menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Folle inseguimento tra contromano e sorpassi a Mestre, poi si schianta. A bordo una bimba

E' successo alle 18.30 di giovedì. Un'Audi A2 scappa ai carabinieri e semina il caos in città, poi esce fuori strada in via Orlanda. Il conducente scappa a piedi. Donna e bambina in caserma

Folle inseguimento quando Mestre era già avvolta avvolta nell'oscurità giovedì. Folle per l'andatura tenuta dal conducente di un'Audi A2 grigia che ha seminato il caos per mezza città, ma folle anche per il suo stile di guida piuttosto "sportivo", tra contromano e sorpassi azzardati. A bordo oltre a lui, riuscito a fuggire, c'erano anche una giovane donna italiana di origini sinte e una bambina molto piccola, forse solo di un anno. Nessuno si è fatto male, nonostante la corsa si sia conclusa con uno schianto. La donna alla fine è stata denunciata per concorso in resistenza a pubblico ufficiale. 

L'inseguimento

E' successo tutto verso le 18.30, quando alle forze dell'ordine giunge la segnalazione di un'Audi A2 grigia sospetta nella zona di Favaro Veneto. Sono i residenti a lanciare l'allerta: l'auto sarebbe stata vista fermarsi più volte e muoversi in maniera sospetta. I carabinieri si portano sul posto e si imbattono proprio nel veicolo segnalato. Che ci fosse qualcosa da nascondere è stato chiaro subito a tutti: il conducente pigia il piede sull'acceleratore e percorre via Gobbi, poi sbuca sulla Triestina. Dopodiché è il caos: scappa ad alta velocità con dietro una pattuglia dei carabinieri a sirene spiegate. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caos

Viene segnalata da passanti che assistono alla scena in zona quartiere Pertini, poi nelle vicinanze di San Giuliano, poi ancora in via Martiri. Impegnate nella caccia più pattuglie, non solo dei militari dell'Arma ma anche della polizia di Stato. Una corsa che continua per almeno una decina di minuti, forse di più. Finché il fuggitivo sbaglia manovra e finisce con lo schiantarsi contro un lampione in via Orlanda, più o meno all'altezza dell'hotel Best Western, il Titian Inn. La copertura della lampada rovina a terra e va in mille pezzi e l'automobilista apre la portiera. Scappa a piedi. Riesce a evitare l'intervento delle forze dell'ordine.

Giovane donna con una bambina

Ma è nel momento in cui controllano l'abitacolo che gli uomini in divisa rimangono a bocca aperta: a bordo ci sono anche una donna e una bambina molto piccola, forse di solo 1 anno. Entrambe vengono portate in caserma, dove gli accertamenti continuano nelle ore successive. Alla fine scatta la denuncia in concorso, ma dell'uomo nemmeno l'ombra. Nel frattempo in via Orlanda viene istituito un senso unico alternato per permettere i rilievi: i carabinieri passano al setaccio tutto l'abitacolo. Aprono il bagagliaio e perlustrano i sedili. La violenza dell'impatto ha pure fatto scoppiare gli airbag. Com'è ovvio che sia, si indagherà anche per capire il motivo per cui il conducente, attorno a cui il cerchio potrebbe stringersi in fretta, ha deciso di scappare in questo modo. 

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento