MestreToday

L'ostello Anda apre a due passi dalla stazione, spazi comuni e bar per una clientela giovane

Mestre si trasforma. Inaugurato lunedì in via Ortigara, ospita camerate da 6 o più posti letto. Una nuova struttura turistica di questo tipo per la zona, dove già svetta l'AO

E' arrivato un po' in sordina ma è già pienamente operativo. I lavori sono conclusi e dal 7 maggio sono aperte le prenotazioni per Anda, nuovo ostello in via Ortigara a Mestre, laterale di via Piave. Sono meno di cinque minuti a piedi dalla stazione ferroviaria, punto da cui poi gli ospiti della struttura partiranno in treno alla volta di Venezia. Perché è evidente che all'Anda alloggeranno persone (soprattutto giovani) che intendono visitare il capoluogo cercando di restare in un budget più contenuto. La stessa idea dell'AO, situato a poche centinaia di metri e in cui sono in corso i lavori di espansione.

Spazi comuni e un bar

Un ostello "puro", con camerate da 6, 7, o 9 posti letto e tante zone comuni, tra cui la cucina. Il design è un misto tra industriale e vintage, uno stile che strizza l'occhio alle nuove generazioni. Ideale, insomma, per una clientela attorno ai 20 anni. Inoltre un bar aperto al pubblico che, nelle intenzioni della direzione, vuole fare incontrare la gente del posto con ospiti da tutto il mondo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Turismo in espansione

A Mestre gli ostelli sono una presenza relativamente recente. Ad attirare l'attenzione, nei mesi scorsi, era stato in particolare il colosso eretto in via Ca' Marcello, in grado di ospitare centinaia di persone. Mentre dall'altra parte della strada procede il cantiere di Mtk, gruppo austriaco che in città sta investendo 70 milioni di euro per la costruzione di quattro alberghi e due parcheggi: totale 745 camere e 1.900 posti letto. Tutte le strutture sono già vendute a operatori stranieri. Operazioni che confermano l'interesse degli investitori per l'area, destinata a diventare nuovo punto di riferimento per i visitatori. E che rinvigoriranno le proteste da parte di chi si oppone all'economia monoturistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento