menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rissa nella notte a Mestre, minorenne picchiata a sangue priva di sensi a terra

E' successo verso le 3 di venerdì in via Cappuccina. Una 17enne cingalese portata all'Angelo. Coinvolti anche 2 suoi connazionali e 2 bengalesi. Sangue e vestiti strappati

Picchiata a sangue al punto da rimanere esanime a terra. Priva di sensi. Preoccupazione nella notte tra giovedì e venerdì per una rissa che è scoppiata, per cause ancora al vaglio, in via Cappuccina a Mestre. A terra, a lato strada, è rimasta una 17enne di origini cingalesi, suo malgrado coinvolta in una zuffa molto violenta. Quattro gli uomini che se le sarebbero date di santa ragione. Una delle ipotesi è che la ragazza abbia tentato di fare da paciere, senza riuscirci. Anzi, alla fine avendo la peggio. L'alterco ha coinvolto, oltre alla minorenne, 2 cittadini cingalesi e altri 2 di nazionalità bengalese. In un secondo momento sarebbe intervenuto anche il padre della ragazza, avvertito dell'accaduto. 

Il diverbio è scoppiato verso le 3 della notte in via Cappuccina: i litiganti iniziano ad accapigliarsi mentre si trovano su un autobus Actv. Partono parole grosse, dopodiché scendono e iniziano i colpi proibiti. Una rissa piuttosto violenta. I coinvolti hanno alcuni indumenti strappati, la ragazza perde sangue dalle ferite. E' stata colpita più volte alla testa, tanto da perdere conoscenza. Sul posto intervengono gli agenti della polizia municipale, che hanno la sede a poca distanza. Subito viene chiesto l'intervento dei sanitari del 118, che soccorrono la giovane, la stabilizzano e la trasportano al pronto soccorso dell'Angelo. Dove viene portata direttamente in area rossa. Durante il tragitto per fortuna si riprende, tanto da raggiungere l'Angelo in codice giallo. Al termine degli accertamenti le sarebbe stata assegnata una prognosi di una decina di giorni.

Non che si tratti di una rissa tra persone irregolari o poco "inserite". Tutti i protagonisti sono stati identificati e risiedono tra Mestre e l'hinterland e lavorano regolarmente. Al momento dell'intervento degli uomini in divisa gli animi si erano già calmati. Più che altro era sopraggiunta la preoccupazione per le condizioni della giovane. Nessuno sarebbe fuggito. Ma erano inequivocabili i segni di ciò che era appena accaduto. Tutti i coinvolti sono stati denunciati, in attesa di stabilire il motivo che ha fatto scatenare la rissa. Venerdì mattina gli agenti della Municipale si sono portati di nuovo in ospedale, per cercare di parlare con la ferita e per far luce sulla vicenda. Stabilendo così le responsabilità penali degli altri coinvolti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento