MestreToday

Prenotano un soggiorno a 5 stelle a Il Cairo, ma l'hotel è in ristrutturazione

La disavventura è capitata a 2 amiche mestrine, che speravano in una vacanza da sogno. Pochi servizi e non adeguati, risarcimento proposto di 73 euro in due. L'intervento di Adico

Il Cairo

Avevano prenotato una stanza superior in un albergo a 5 stelle, ma si sono ritrovate in un hotel in ristrutturazione, metà aperto e metà chiuso, privo di quasi tutti i servizi e degli optional promessi. La disavventura è capitata a una coppia di amiche mestrine che si sono rivolte al servizio vacanza informata di Adico dopo aver ricevuto dalla struttura egiziana una offerta riparatrice di risarcimento di 73 euro (31,50 euro a testa) a fronte di una vacanza costata almeno dieci volte di più. 

La disavventura

La disavventura risale a questa estate. Le due ragazze hanno prenotato tramite un tour operator una stanza di alto livello in un 5 stelle del Cairo. Una volta giunte a destinazione si sono subito rese conto che qualcosa non andava. Finestre appoggiate sulle pareti, stanze per nulla accoglienti, tv internazionale inesistente, piscina rotta, colazioni totalmente inadeguate. Poi, ecco altre mancate promesse: i ristoranti erano due e non quattro, niente discoteca, niente area biliardo, niente palestra e, secondo la denuncia delle due ragazze, la permanenza in hotel era caratterizzata dalla coabitazione con innumerevoli matrimoni.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Albergo in ristrutturazione e servizi ridotti

«Le nostre socie - commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico - hanno vissuto una vacanza deludentissima e sono tornate a casa stressate e arrabbiate. L’hotel era in ristrutturazione e aperto solo per metà, i servizi erano notevolmente ridotti e, ad ogni modo, non aveva le qualità riferite prima della partenza. La cosa che lascia davvero di stucco è la proposta risarcitoria formulata alle due ragazze dalla struttura alberghiera: poco più di 70 euro in due. Ora siamo intervenuti noi reclamando la restituzione dell’intero importo speso per il pacchetto, comprensivo del volo aereo. In questo come in altri da noi seguiti, qui si ravvisa un danno da vacanza rovinata così come previsto dal codice del consumo. Ecco perché l’unico modo per ottenere soddisfazione è quello di richiedere l’intero importo speso dalle nostre socie per la vacanza in Egitto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

  • Coronavirus, il bollettino di oggi: dati del contagio in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento