Gli avvocati inaugurano la nuova sede: «Venezia senza magistrati, giustizia a rischio»

Il presidente dell'ordine degli avvocati Giuseppe Sacco: «In laguna, a fine 2018, 28.640 le cause pendenti contro le 19.069 di Milano; 126 i magistrati nel capoluogo lombardo, 51 i nostri»

Toghe avvocati, foto di archivio

«La carenza di magistrati blocca la giustizia a Venezia». Lo afferma Giuseppe Sacco, presidente del Consiglio dell'ordine degli avvocati della città lagunare (Coa). Pur essendo questo territorio fra i motori dell'economia del nordest, «in base ai dati sul pil, sulla popolazione e sul carico di lavoro, è in ginocchio dal punto di vista della giustizia. Il numero di magistrati dovrebbe esser aumentato di almeno sedici unità, a fronte delle dieci proposte dal ministero competente - continua Sacco - con una dotazione di personale amministrativo adeguata».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La residenza


Sacco mette a confronto il dato veneziano con quello della Corte di Appello di Milano: «abbiamo 28.640 cause pendenti (al 31.12.2018) a fronte delle 19.069 di Milano, mentre per quel che riguarda i magistrati in organico, nel capoluogo lombardo ce ne sono 126, mentre qui ne abbiamo 51. I cittadini rischiano di non potersi tutelare nelle opportune sedi». Le ripercussioni riguardano anche l'ambito economico, secondo Sacco, con difficoltà quotidiane per le aziende, oltre che per i privati. «Dal 1969 la questione giustizia è sempre passata in secondo piano. A ogni apertura di anno giudiziario lamentiamo difficoltà operative che dal Covid in poi si sono acuite. Venezia da troppo tempo è penalizzata in Italia», ha commentato il presidente del Coa. Sacco chiede al prossimo sindaco di mantenere massima l’attenzione alla residenza: «Per quale motivo un magistrato dovrebbe venire a vivere a Venezia, scontrandosi con centinaia di faldoni e con le oggettive difficoltà? E gli amministrativi, come possono vivere qui con i costi che ci sono? intanto venerdì alle 11 gli avvocati inaugurano la nuova sede del Consiglio dell'ordine degli avvocati a Santa Croce 423 alla presenza del sindaco Luigi Brugnaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento