menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna il Bovoeti Day a Noale, ma Scotton lancia l'allarme: «Nuovi volontari o si chiude»

Il presidente uscente della Pro Loco rimarrà in carica fino alla prossima Pirola Parola. L'eventuale ricandidatura dipenderà anche dal sostegno del Comune

Le prenotazioni, obbligatorie, saranno aperte fino al 13 agosto. Tutto pronto a Noale per la sesta edizione del Bovoeti Day, appuntamento ferragostano per gli appassionati, per l'appunto, dei bovoeti. L’iniziativa, promossa dalla Pro Loco, è diventata nel tempo un evento "cult" durante il quale poter condividere un piatto di lumachine, condite con olio di oliva, tanto aglio e prezzemolo, seduti attorno ad una tavolata imbandita.

Bovoeti Day

«Se anche quest’anno siamo in grado di offrire una proposta di un Ferragosto alternativo tra le torri di Noale, - spiega il presidente Enrico Scotton - lo dobbiamo ad un gruppo di volontari che rinunciano ad una scampagnata al mare o in montagna per tenere viva questa bella tradizione. Non so se nei prossimi anni sarà ancora possibile organizzare eventi come il Bovoeti day». Intanto le prenotazioni viaggiano bene e hanno già superato quota 100 partecipanti. Il costo della cena è di 13,50 euro (bovoeti, o in alternativa porchetta, pane, formaggio, prosecco, frutta, dolce e crema al caffè, con sgroppino finale, oltre ad buon omaggio per una frittura offerto dalla pescheria Primo Sbarco Ittica Marcato). Prenotazioni presso la pasticceria Prosdocimi e il panificio Alla Torre. La serata sarà allietata dai canti del gruppo I fioi del Fiò.

Scotton: «Nuovi volontari o si chiude»

Il presidente Scotton, il cui mandato terminerà il prossimo gennaio con la Pirola Parola, guarda al futuro con preoccupazione: i volontari più attivi, ormai giunti alla soglia dei 70 anni, chiedono di essere rimpiazzati. «Da gennaio ad oggi la nostra attività non ha conosciuto sosta. - continua Scotton - Noale merita di essere valorizzata ma per tenere questo ritmo servono anche uomini, soprattutto pensionati, che abbiano voglia di spendersi gratuitamente, con manualità ed ingegno, condividendo le nostre iniziative». Ma non basta solo la manodopera: «Abbiamo raccolto l'approvazione da parte degli esercenti in questi anni, e l'intenzione è quella di ricandidarsi, ma serviranno nuove risorse, altrimenti dovremo pensarci bene. Al sindaco Andreotti, subito dopo la rielezione, ho già fatto presente che serve uno sforzo in più. Al momento, per fortuna, abbiamo un bellissimo gruppo di donne a cui se ne sono aggiunte di recente anche di nuove».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento