menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condanna pesante al Casinò: deve restituire oltre 28 milioni al Comune

La Corte dei Conti ha stabilito che la casa da gioco dovrà saldare un vecchio debito risalente al 2012

Al Casinò di Venezia è stato imposto di restituire al Comune uno "sconto" da oltre 28 milioni di euro ottenuto nel 2012. È quanto stabilito dalla Corte dei Conti con una sentenza, depositata ieri e riportata nei quotidiani locali, relativa ad una irregolarità di "conto giudiziale". Quell'anno, infatti, i vertici della casa da gioco e Ca' Farsetti arrivarono a un accordo per cui il Casinò, che era in grosse difficoltà economiche, non versò gli incassi relativi ai mesi di luglio, agosto e settembre.

Successivamente la procura regionale ha contestato l'intesa, in particolare perché non sarebbe mai stata ratificata dalla giunta né dal Consiglio comunale. Ricordando, inoltre, che il Casinò è un «soggetto concessionario della riscossione di imposte, tributi e canoni di pertinenza del Comune»: cioè che è tenuto, secondo legge, a versare a Ca' Farsetti i proventi del gioco d'azzardo. E la sentenza ha ribadito questo concetto. "Sconto" illegittimo, dunque, così la società di gestione del Casinò ora deve versare al Comune 28,6 milioni con rivalutazione e interessi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento