Condanna pesante al Casinò: deve restituire oltre 28 milioni al Comune

La Corte dei Conti ha stabilito che la casa da gioco dovrà saldare un vecchio debito risalente al 2012

Al Casinò di Venezia è stato imposto di restituire al Comune uno "sconto" da oltre 28 milioni di euro ottenuto nel 2012. È quanto stabilito dalla Corte dei Conti con una sentenza, depositata ieri e riportata nei quotidiani locali, relativa ad una irregolarità di "conto giudiziale". Quell'anno, infatti, i vertici della casa da gioco e Ca' Farsetti arrivarono a un accordo per cui il Casinò, che era in grosse difficoltà economiche, non versò gli incassi relativi ai mesi di luglio, agosto e settembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Successivamente la procura regionale ha contestato l'intesa, in particolare perché non sarebbe mai stata ratificata dalla giunta né dal Consiglio comunale. Ricordando, inoltre, che il Casinò è un «soggetto concessionario della riscossione di imposte, tributi e canoni di pertinenza del Comune»: cioè che è tenuto, secondo legge, a versare a Ca' Farsetti i proventi del gioco d'azzardo. E la sentenza ha ribadito questo concetto. "Sconto" illegittimo, dunque, così la società di gestione del Casinò ora deve versare al Comune 28,6 milioni con rivalutazione e interessi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento