menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spazio Farma, il teatro mestrino aiuta la ricerca dei velisti in Atlantico. E vola negli Usa

Una realtà sempre in dialogo con il territorio. Concluso il Farmafestival, incasso devoluto alle operazioni di ricerca di Revello e Voinea. Presto spettacoli in California e Messico

Oltre cento persone tra i 6 e 70 anni sul palco di Spazio Farma a Mestre. Ventiquattro ore di scena, un pubblico attento di oltre 500 persone, partecipe, che ride, si commuove ed esulta. E una raccolta fondi che donerà un migliaio di euro alla ricerca dei velisti dispersi in Atlantico dal 2 maggio scorso, Aldo Revello e Antonio Voinea. Grande energia al Farmafestival, l'evento della scuola di Spazio Farma che si è chiuso domenica 27 maggio. Un appuntamento che, come ogni anno, ha coinvolto bambini, ragazzi e adulti in un lavoro di ricerca di sé e di creazione attraverso il teatro.

Il teatro nella città

Farmaschool, nata come scuola della compagnia teatrale Farmacia Zooé, entra nel suo decimo anno di attività. E' del 2015 l'apertura dello spazio indipendente "Spazio Farma": in questo capannone di via Torino si è formata una comunità attorno ad un'arte intesa come creazione capace di portare talento, pensiero e azione nel mondo e, al contempo, potente strumento educativo. Il dialogo di Spazio Farma con la città è fitto: collaborazioni con istituzioni, associazioni, artisti, come in "Canto alla Città", recentemente proposto dal servizio Immigrazione del Comune di Venezia al Candiani, "Il mondo è di tutti", promosso al teatro Momo con l'assessorato alla Cultura, "Mar gh'era", la performance urbana per i 100 anni di Porto Marghera a cui hanno assistito oltre seicento persone.

Esperienza a San Diego

Dal locale all'internazionale: Farmacia Zooè si prepara a portare la propria poetica contemporanea in California e Messico, dove rappresenterà l'Italia al San Diego Fringe USA con lo spettacolo 9841/Rukeli, dedicato alla vicenda del pugile-zingaro che sfidò il nazismo. Dopo il premio come vincitore assoluto al Fringe Italia nel 2016, a Roma, lo spettacolo scritto e interpretato da Gianmarco Busetto si gioca la sfida internazionale con il testo interamente tradotto e interpretato in lingua inglese. Otto date tra il 18 giugno e il 2 luglio, anteprima per la stampa a San Diego, poi Hollywood e Tijuana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento