Il dottor Massimo Girotto è il nuovo direttore dell'ospedale Civile di Venezia

Si tratta di un ritorno: aveva già diretto l'ospedale tra il 2003 ed il 2005

Il dottor Girotto (dx) con il dg dell'Ulss 3 Dal Ben

E' tornato a dirigere l’Ospedale Civile di Venezia - che già gli era stato affidato tra il 2003 e il 2005 - portando con sé una vasta esperienza in ogni ambito della gestione sanitaria: è il dottor Massimo Girotto, nuovo direttore del Santi Giovanni e Paolo.

La sua esperienza

Classe 1960, il dottor Girotto si è specializzato in Igiene e Medicina Preventiva all’Università di Verona. Da allora ha lavorato in molti dei settori cruciali della sanità pubblica: all’inizio della carriera è stato dirigente medico di Pronto Soccorso, ad Asiago; è passato poi nella organizzazione territoriale della sanità a Padova, operando come dirigente nei Distretti dell’allora Ulss 16; una nuova esperienza lo ha portato a lavorare nello staff di una direzione sanitaria, quella dell’Azienda di Trento. In seguito il dottor Girotto fa il suo primo ingresso nei ranghi dell’Azienda sanitaria veneziana: prima una breve esperienza come direttore medico all’ospedale Umberto I di Mestre, e infine la direzione del Santi Giovanni e Paolo, che guida dal 2003 al 2005. “Quella compiuta a Venezia è stata senza dubbio – spiega il dottor Girotto – tra le esperienze più arricchenti. Lasciato il Civile ho compiuto negli anni più recenti altri due ruoli che hanno completato la mia formazione professionale: la direzione dell’Ospedale dell’Azienda Ospedaliera di Padova e infine l’incarico nella Direzione del Distretto sanitario di Udine”.

Un ritorno

Il dottor Girotto rientra al Santi Giovanni e Paolo, dopo essersi aggiudicato il relativo concorso, subentrando alla dottoressa Lorena Sandonà, che ha lasciato l’attività dirigenziale. “Ho trovato un Ospedale fortemente rinnovato. E non mi riferisco solo – spiega – alla realizzazione del Padiglione Jona, del nuovo Centro Prelievi, dei servizi CUP, del Pronto Soccorso rinnovato. Rispetto alla mia precedente esperienza, mi sembra particolarmente significativo come si sia riusciti a separare intelligentemente le funzioni all’interno del complesso ospedaliero, concentrando quelle sanitarie in spazi nuovi e adeguati, e contemporaneamente recuperando i grandi e preziosi spazi antichi: ora la degenza al Civile è elevata ad uno standard degno di questa città, e contemporaneamente si è semplificato il lavoro dei medici e degli infermieri”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ritroviamo con il dottor Girotto un dirigente dalla grande esperienza e dalla grande umanità - spiega il dg Giuseppe Dal Ben - a cui l’azienda sanitaria affida, oltre al governo complessivo dell’ospedale, anche alcuni ‘mandati’ speciali: ad esempio quello di far crescere il Civile quanto alla gestione dei trasporti da e per l’ospedale, al miglioramento dei tempi di degenza media, ad un nuovo e più efficace rapporto tra l’Ospedale e la sanità territoriale, prima e dopo il ricovero”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Muretto di Jesolo chiude, i gestori: «La stagione 2020 finisce qui»

  • Polemiche su tre consiglieri leghisti per la richiesta del bonus Inps da 600 euro

  • Chiusura del raccordo da Venezia verso la tangenziale di Mestre

  • Morto un uomo in spiaggia a Jesolo

  • Tremendo scontro fra due moto a Caorle: morti 2 uomini del posto

  • Il sindaco di Spinea Martina Vesnaver e il bonus da 600 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento