menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Telefono Amico di Venezia-Mestre: 50 anni a sostegno delle persone

Telefono Amico di Venezia-Mestre: 50 anni a sostegno delle persone

Telefono Amico di Venezia-Mestre compie 50 anni

Per l'occasione un incontro con tutti coloro che per mezzo secolo sono stati a sostegno della sofferenza delle persone

Il Telefono Amico di Venezia-Mestre ha compiuto 50 anni lo scorso 14 aprile e ha scelto di festeggiare il traguardo raggiunto il 26 maggio incontrando tutti i  volontari che, in questi anni, hanno dedicato il loro tempo all'ascolto empatico e al sostegno delle sofferenze dei propri concittadini. 109mila e cinquecento ore, sei milioni e 570mila minuti donati all’Altro, è questo il tempo che è stato dedicato dai volontari di Telefono Amico all'ascolto e al conforto di tutte le persone che in questi 50 anni sono state in difficoltà.

Oltre ai festeggiamenti, sono in programma, subito dopo l'estate, ulteriori iniziative rivolte a diffondere la "cultura dell'ascolto" e a sensibilizzare la cittadinanza in merito con incontri che si terranno nelle biblioteche e nelle scuole. 

“Ricordo una delle mie prime telefonate - racconta Gianni Cortesi, attuale presidente di Telefono Amico centro di Venezia-Mestre - la mia emozione, il timore di non essere all’altezza, la paura di trovare una situazione che non avrei saputo sostenere, quello squillo raggelante e quei singhiozzi disperati e senza fine che sono la conferma alla mia impotenza. Le mie parole senza senso per accogliere una disperazione profonda a me sconosciuta fino a quel momento. Quella donna che piange con pudore ma senza freno e che non mi dà spiegazioni. Il tempo si ferma, pur scorrendo interminabile. Lei non ha bisogno di raccontare la causa della sua disperazione, cerca solo di non essere da sola nel suo pianto. L’incontro della mia anima con la sua non ha bisogno di parole, lei trova la mia spalla su cui sfogare il suo pianto e sciogliere la sua angoscia. Ricordo il dissolversi del suo star male, il rientrare in sé, il ricomporsi e la gratitudine per il mio silenzio. I timidi tentativi di conoscermi e il racconto del suo male, la sorpresa delle due ore passate assieme e l’addio per non risentirci mai più, ma che come un amore di gioventù resterà per sempre dentro di me”. 

Essere un volontario di Telefono Amico vuol dire essere consapevoli di toccare con mano la sofferenza altrui ed essere pronti ad ascoltare in silenzio, senza mai giudicare e saper essere un supporto morale esterno ed estraneo ma non per questo meno efficace. 

“Chi non è passato attraverso l’esperienza dell’ascolto a Telefono Amico non può comprendere l’orgoglio che mi pervade in occasione di questo compleanno speciale - continua Cortesi - L’orgoglio, per quanto grande, è molto inferiore al senso di riconoscenza e gratitudine verso chi ha permesso che il nostro centro nascesse e prosperasse, raggiungendo questo importante traguardo. Per questo abbiamo deciso di farne una festa tutta nostra. Non mi ha sorpreso che tutti i turnisti o ex turnisti contattati per l’invito a questo incontro, abbiano detto che l’esperienza al T.A. ha cambiato loro la vita: è un’affermazione importante, ma ognuno di noi sa che è proprio così. Anche da questa riflessione si è rafforzata l’idea che era giusto organizzare un incontro con tutti quelli che avessero voglia di rivedersi tra “vecchi” e di conoscere i nuovi turnisti, condividendo ricordi, emozioni e vissuti che nell’arco delle singole esperienze al telefono rimangono scolpite indelebilmente dentro ciascuno di noi. Non mi resta che augurare a tutti noi una vita altrettanto lunga, e che possa esser sempre sostenuta dalla voglia di ascoltare e comunicare, con l’entusiasmo di cinquant’anni fa”.

Il principio cardine di Telefono Amico è la fiducia e il rispetto nei confronti delle scelte individuali di chi chiama e proprio per garantire questo viene offerta una formazione permanente ai volontari e il perfezionamento degli standard di risposta. Il reperimento dei nuovi volontari avviene attraverso corsi gratuiti e selettivi di autovalutazione all’attitudine all’ascolto, della durata di circa tre mesi, per un totale di 90-100 ore, tenuti da formatori esperti e opportunamente preparati. Una volta scelto di diventare volotnari di Telefono Amico, il percorso formativo continuerà con cadenza bisettimanale. 

Nato nel 1969 da un progetto basato sull'ascolto telefonico di un gruppo di ragazzi che vivevano o studiavano a Venezia, il Telefono Amico di Venezia-Mestre ha avuto negli anni più di 600 volontari accomunati dagli stessi valori che hanno fatto sì che il progetto non solo nascesse ma si sviluppasse negli anni: la solidarietà e l'importanza di potersi confidare in pieno anonimato con qualcuno in grado di ascoltare senza giudizio.

Se ci si volesse mettere in contatto con loro, basta chiamarli a questo numero: 199.284.284

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento