Venezia è la provincia con la percentuale più bassa di attività aperte in Veneto

I dati sono stati forniti dalla Camera di commercio Venezia Rovigo

Sono dati preoccupanti quelli diffusi dalla Camera di Commercio Venezia Rovigo sulla base di  una elaborazione di Infocamere sui i dati del Registro Imprese: Venezia è, infatti, la provincia con la percentuale più bassa (31%) di attività aperte in Veneto. Nello specifico, sono circa sono circa 8 mila gli esercizi commerciali e i servizi alla persona, al cui interno lavorano 16mila dipendenti, autorizzati all’apertura nei territori di Venezia e Rovigo in base al decreto del Governo anti-coronavirus. Fra questi, quasi 4mila riguardano il settore alimentare.

Nell’area metropolitana di Venezia sul totale delle attività di commercio al dettaglio e servizi alla persona (19.517) poco più del 31% può restare aperto come da decreto: percentuale più bassa fra quelle registrate a livello regionale. Un dato che denota come le attività commerciali non ritenute essenziali dal decreto, e quindi chiuse, siano in maggioranza rispetto alle altre province. I punti vendita di prodotti alimentari sono 2.896  con 7.180 dipendenti, ovvero il 22% di tutto il Veneto; di questi 17 sono ipermercati (0,6%), 255 supermercati (8,8%), 28 discount (1%), 651 i minimercati (22,5%), 22 negozi di prodotti surgelati (0,8%) e più di 1900 quelli di commercio al dettaglio con prodotti alimentari, bevande e tabacchi (66,4%). Oltre 2600 sono le altre attività autorizzate all’apertura - edicole, ferramenta, distributori di carburante, negozi di computer, lavanderie - in cui sono impiegati più di 4500 dipendenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono 590, invece,  le farmacie, i negozi di articoli sanitari e per l’igiene con circa 2000 dipendenti impiegati. Di questi 13 sono negozi di articolo igienico sanitari, 196 le farmacie, 40 le parafarmacie, 91 i negozi di ortopedica, 250 i negozi di articoli di profumeria, tolettatura e igiene personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento