Cultura

"M9 attira sponsor importanti, in 4-5 anni potremmo rientrare dell'investimento"

Si è tenuta venerdì all'Auditorium Santa Margherita la celebrazione dei 25 anni della Fondazione Venezia dedicati a cultura e investimenti. Buone notizie sul fronte polo culturale

La Fondazione di Venezia compie 25 anni. Dal 1992, data della sua scorporazione dalla Cassa di Risparmio, ha investito sul territorio circa 160 milioni di euro per realizzare progetti nei campi dell’istruzione, del sociale, della ricerca, della cultura e della formazione. Un quarto di secolo festeggiato venerdì con un convegno all’Auditorium Santa Margherita, proprio nel compleanno dell'ente. Il tema centrale della giornata è stato il ruolo della Fondazione di Venezia come "patrimonio della collettività", a condurre la giornata il presidente della Fondazione, Giampietro Brunello. Il saluto iniziale è spettato a Michele Bugliesi, rettore dell'Università Ca' Foscari che ha ospitato l'evento.

Da finanziatore alla gestione diretta

"In questi primi 25 anni - ha sottolineato Brunello - Abbiamo fatto interventi a favore del territorio, specializzandoci nella gestione diretta e non solo limitandoci al mero finanziamento". Priorità della Fondazione, negli anni, è stata quella di mettere a disposizione quindi anche capitale umano e professionalità, il tutto per garantire interventi di crescita mirata. "Il Triveneto è stato leader mondiale in alcuni settori, poi la crisi ha ribaltato la situazione, - ha continuato il presidente della Fondazione - l'obiettivo ora è quello di recuperare la posizione che ci compete".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"4 o 5 anni per rientrare dell'investimento"

Nessun tema contingente è stato trattato nel corso della giornata di festa, ma a margine sono uscite delle informazioni ufficiose sull'M9 di Mestre, il nuovo polo culturale della città: se da una parte è stato confermato che l'apertura del centro si avrà nel mese di dicembre, con i lavori che stanno proseguendo secondo programma, dall'altra è stata evidenziata la possibilità, secondo le prime stime, di recuperare l'intero investimento nel giro dei primi 4 o 5 anni di attività. Una prospettiva rosea, resa possibile grazie anche a delle importanti sponsorizzazioni in via di definizione (sulle quali per il momento permangono le bocche cucite).

"Facciamo capire che venezia ce la sta facendo"

Anche il primo cittadino Luigi Brugnaro è intervenuto sul tema M9: "Sono molto contento - ha sottolineato il sindaco - per come stanno procedendo i lavori. Ho chiesto che venisse fatta una preapertura nel periodo natalizio, con un evento pensato appositamente per i bambini, che ha richiamato 50mila presenze, per aprire le porte di questa nuova realtà ai cittadini. Ora stiamo lavorando per pianificare il tema della viabilità e dell’accessibilità di questa nuova smart city. La sfida oggi sarà su grandi sistemi: dobbiamo riuscire ad essere competitivi e ad attrarre i giovani anche da altri Paesi. Alle nuove generazioni dobbiamo far capire che c’è un progetto di sviluppo e di crescita, infondere ottimismo, lavorare insieme, ottenere risultati che portino alla rinascita di questa città. Dobbiamo costruire le basi per far capire che Venezia ce la sta facendo. Insieme si va veramente molto più veloci. E se il territorio è coeso, le imprese intervengono".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"M9 attira sponsor importanti, in 4-5 anni potremmo rientrare dell'investimento"

VeneziaToday è in caricamento