"Ma...un'estensione" a Cà Pesaro di Venezia

  • Dove
    Galleria d'Arte Moderna Ca' Pesaro
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 26/09/2015 al 28/02/2016
    Aperto da martedì a domenica dalle ore 10 alle 18 (ultimo ingresso ore 17)/
  • Prezzo
    Intero: 10,00 euro Ridotto: 7,50 euro * Ragazzi da 6 a 14 anni; studenti da 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini over 65; personale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT); titolari di Carta Rolling Venice; soci FAI Gratuito: * Residenti e nati nel Comune di Venezia; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate e interpreti turistici che accompagnino gruppi o visitatori individuali, per ogni gruppo di almeno 15 persone, 1 ingresso gratuito (solo con prenotazione); docenti accompagnatori di gruppi scolastici, fino ad un massimo di 2 per gruppo; membri ICOM; titolari AMACI Card; partner ordinari MUVE; volontari del Servizio Civile; possessori MUVE Friend Card Offerta Scuola: 4,00 euro a persona (valida nel periodo dal 1 settembre al 15 marzo) Per classi di studenti di ogni ordine e grado accompagnate dai loro insegnanti con elenco dei nominativi compilato dall’Istituto di appartenenza. Offerta Famiglie: biglietto ridotto per tutti i componenti, per famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (dai 6 ai 14 anni). *è richiesto un documento ACQUISTA ONLINE IL TUO BIGLIETTO PER CA’ PESARO >>> _ APERTURA STRAORDINARIA DI CA’ PESARO E’ possibile visitare Ca’ Pesaro, Galleria Internazionale d’Arte Moderna e Museo d’Arte Orientale, al di fuori dell’orario di apertura, inviando la richiesta di prenotazione almeno 5 giorni lavorativi dalla data desiderata, al fine di verificare la disponibilità di apertura straordinaria della sede. Condizioni e tariffe: acquisto di almeno 15 biglietti da 30,00 euro Informati e prenota la tua Apertura Straordinaria >>> _ MUSEUM PASS Il Museum Pass è il biglietto cumulativo per le collezioni permanenti dei Musei Civici di Venezia aperte e quelle collegate (sono esclusi la Torre dell’Orologio e Palazzo Fortuny). Ha validità per 6 mesi e consente una sola entrata in ogni museo. Il Museum Pass consente l’ingresso ai seguenti musei: I MUSEI DI PIAZZA SAN MARCO: – Palazzo Ducale – Percorso integrato del Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale, Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (unico ingresso) Ca’ Rezzonico – Museo del Settecento Veneziano; Casa di Carlo Goldoni; Museo di Palazzo Mocenigo e Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume; Ca’ Pesaro Galleria Internazionale d’Arte Moderna + Museo d’Arte Orientale; Museo del Vetro – Murano; Museo del Merletto – Burano; Museo di Storia Naturale Museum Pass Intero: 24,00 euro Museum Pass Ridotto: 18,00 euro Offerta Famiglie ‘Museum Pass': biglietto ridotto per tutti i componenti per famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (dai 6 ai 14 anni). Offerta Scuola ‘Museum Pass’: 10,00 euro a persona (valida nel periodo dal 1 settembre al 15 marzo) per classi di studenti di ogni ordine e grado accompagnate dai loro insegnanti con elenco dei nominativi compilato dall’Istituto di appartenenza. https://capesaro.visitmuve.it/it/pianifica-la-tua-visita/biglietti/
  • Altre Informazioni
    Sito web
    visitmuve.it

Nel solco della tradizionale attenzione prestata da Ca’ Pesaro agli incroci tra scultura e pittura, la mostra, inserita tra le proposte di Muve Contemporaneo – rassegna ideata dalla Fondazione Musei Civici di Venezia per dialogare con la Biennale d’Arte, giunta alla sua seconda edizione – offre l’opportunità di un affascinante confronto dialettico tra le opere di quattro grandi maestri dell’arte italiana contemporanea: Marco Gastini, Paolo Icaro, Eliseo Mattiacci e Giuseppe Spagnulo.

Pur sviluppando linguaggi e mondi espressivi differenti, gli artisti, legati da una pluriennale amicizia e da profonde affinità, intrecciano nei monumentali ambienti della Galleria Internazionale d’Arte Moderna un inedito e intenso dialogo che coinvolge arte e vita. Marco Gastini (1938), con la sua continua dialettica tra pittura, materia e spazio sia virtuale che reale; Paolo Icaro (1936), capace di mettere in crisi nei suoi lavori ogni chiusura e pesantezza; Eliseo Mattiacci (1940), che ha abbandonato la monumentalità della scultura azzerandone la base e infine Giuseppe Spagnulo (1936), audace nello sfidare la gravità della materia e conferire leggerezza e lievità alle sculture più possenti. Scrive Bruno Corà, curatore della mostra, la cui direzione scientifica è affidata a Gabriella Belli: “Nonostante l’evidente diversità che distingue il loro lavoro, essi condividono nella scultura e nella pittura, attuandoli, i principi profetizzati da Medardo Rosso e in seguito da Umberto Boccioni (‘metteremo lo spettatore al centro del quadro’) e da Arturo Martini, che della scultura aveva auspicato la vocazione: ‘fa che io non sia un oggetto, ma un’ ‘estensione’. I quattro artisti, in tal modo, pur nel solco di una tradizione italiana mai estinta, rinnovano autonomamente e amplificano quelle premesse linguistiche, affermando la loro opera in un contesto a respiro europeo e internazionale”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Questa mostra potrebbe essere rimandata" a Venezia

    • Gratis
    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • Visioni Altre
  • Visite guidate in diretta streaming alla Querini Stampalia

    • dal 25 febbraio al 25 marzo 2021
    • Querini Stampalia (in streaming)

I più visti

  • "Questa mostra potrebbe essere rimandata" a Venezia

    • Gratis
    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • Visioni Altre
  • Il ghetto di Venezia e i luoghi di Tintoretto

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Venezia
  • Storie di Carta: arrivano nuovi spettacoli per bambini sulla piattaforma Backstage

    • Gratis
    • dal 5 febbraio al 9 aprile 2021
    • Backstage (piattaforma TSV)
  • Donne di Venezia tra vizi e virtù

    • 6 marzo 2021
    • Presso la statua di Carlo Goldoni
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento