menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Roberto Bettini/Bettiniphoto

Foto Roberto Bettini/Bettiniphoto

Adriatica Ionica Race, tappa 1: sul traguardo di Jesolo Elia Viviani è la prima maglia azzurra

Cronometro a squadre dominata dalla Quick-Step mercoledì. Partenza da Musile, traguardo a Jesolo. Media da oltre 54 km/h. Venerdì si parte sempre dal Lido con la seconda tappa

La Quick-Step Floors ha vinto la cronosquadre inaugurale dell’Adriatica Ionica Race nella stupenda cornice del Lido di Jesolo, mercoledì 20 giugno. La maglia azzurra è andata a Elia Viviani, il primo a tagliare il traguardo per la formazione belga, che diventa così anche il primo, storico leader della corsa ideata dall’ex campione del mondo Moreno Argentin. 

Partenza da Musile

La prima tappa, una prova a cronometro per team di 23,3 km, è scattata da Bim-Ciclabile del Piave, in località Musile di Piave, e si è diretta a gran velocità verso l’arrivo di Lido di Jesolo, in piazza Milano, dove ad applaudire i treni delle squadre si è radunato un pubblico numeroso e in festa. La Quick-Step Floors, capitanata da Elia Viviani con il dorsale numero 1, e composta anche dal vincitore del Giro delle Fiandre Niki Terpstra, dai giovani Kasper Asgreen, Alvaro Hodeg, James Knox, Davide Martinelli e Jhonatan Narvaez, ha fermato il cronometro a 25’29’’, migliore tempo di giornata, con una media di 54,859 km/h. Seconda la Uae-Team Emirates (Simone Consonni, Valerio Conti, Ben Swift, Manuele Mori, Edward Ravasi, Simone Petilli, John Darwin Atapuma) con 25’43’’, 14’’ di ritardo, terza la Trek-Segafredo (Giacomo Nizzolo, Eugenio Alafaci, Gianluca Brambilla, Nicola Conci, Fabio Felline, Jarlinson Pantano e Peter Stetina) con 25’45’’, a 16’’ dai vincitori. Quarta a 34’’ la Dimension Data dell’ex iridato Mark Cavendish, settimo a 1’17’’ il team della Nazionale guidato dal c.t. Davide Cassani e da Marino Amadori. Per la Quick-Step Floors diretta da Davide Bramati, già prima nel ranking Uci World Tour e tra le favorite alla vigilia nella prova contro il tempo, si tratta della 39esima vittoria stagionale, la prima dell’anno in una cronosquadre. A premiare la formazione vincitrice è stato il vice presidente della Regione Veneto, Gianluca Forcolin.

unnamed-42-27

Elia non si ferma più 

Non si ferma il momento magico di Elia Viviani, 29 anni, che dopo aver conquistato quattro tappe al Giro d’Italia coronate dalla maglia ciclamino, è di nuovo vincente. Il campione olimpico su pista ha preceduto i compagni e ha poi fatto esplodere la sua gioia sul palco, quando ha ricevuto la maglia azzurra sponsorizzata Geo&Tex 2000 dalle mani dell’assessore allo Sport del Comune di Jesolo Esterina Idra. La Quick-Step si è aggiudicata anche la maglia bianca del miglior giovane con il britannico James Knox, 22 anni, premiato dall’amministratore delegato di Gabetti Roberto Busso. A dare il via alla prima tappa dell’Adriatica Ionica Race è stato il sindaco di Musile di Piave Silvia Susanna.

"Dobbiamo passare il Giau"

“È un onore essere il primo leader dell’Adriatica Ionica Race – le parole di Viviani –. Ho fatto il mio compito, ma Asgreen e Terpstra sono state due locomotive. Abbiamo anche cercato di portare Knox e Narvaez al traguardo perché possono fare una bella classifica. C’è una sola tappa di montagna, devono difendersi sul Giau, che è un terreno meno adatto a loro. Domani partiamo con la maglia di leader e ho tutta la volontà di provare a difenderla. Sabato e domenica sono due obiettivi veri e propri. La tappa di Grado presenta una salita in partenza e un percorso superiore a 200 chilometri. Il circuito di Trieste lo conosciamo dall’arrivo del Giro d’Italia nel 2014: sarà un bel finale ma intanto dobbiamo passare il Giau”.

Seconda tappa fino a Maser

Dopo la cronosquadre di apertura, la grande novità dell’Adriatica Ionica Race sbarca nella provincia di Treviso. La seconda tappa, giovedì 21 giugno, scatta da Lido di Jesolo (Venezia) alle 12.05 e termina a Maser (Treviso): 152,5 km di media montagna promossi dall’IPA delle Terre di Asolo e Montegrappa. Due Gran Premi della Montagna di terza categoria – Montello e Paderno del Grappa – fanno da preludio a un finale ondulato e adatto a finisseur e velocisti. L’arrivo è previsto tra le 15.30 e le 16.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento