Supercoppa Italiana, la Reyer femminile inciampa contro il Famila Schio

La pur ottima partita contro le campionesse si conclude con una sconfitta per 67 a 63

L’ottima prestazione fornita dalle lagunari nella “tana” del Famila Schio e l’aver giocato alla pari con le campionesse d’Italia dalla palla a due al buzzer conclusivo, non sono sufficienti all’Umana Reyer che esce con onore dal Palaromare. In attesa della “star” WNBA Diamond De Shields e grazie anche ad un’eccellente prova di Sandrine Gruda, le scledensi si aggiudicano quindi l’accesso alla finale e si confronteranno con Ragusa, impostasi sul Geas nel primo incontro della giornata. Gli starting five sono composti da Lisec, Gruda, Dotto, Harmon e Crippa per le “orange” e Anderson, Bestagno, Gorini, De Pretto e Steinberga per le orogranata.

Primo tempo

Primo possesso per le padrone di casa che vanno subito a segno con Harmon. Alcune conclusioni fallite da entrambe le formazioni e la Reyer muove il proprio punteggio con l’1/2 dalla lunetta di Bestagno. Gruda elude la stretta marcatura del centro ligure orogranata mentre Steinberga infila il primo canestro su azione per i propri colori. Ancora Gruda, questa volta dalla media, poi il centro francese concede il bis dopo una palla recuperata (8-3 a -4,42). A cronometro fermo Steinberga non è perfetta e Schio mantiene il margine acquisito. Giampiero Ticchi rimescola il proprio “mazzo” inserendo Penna e Petronyte, quest’ultima alla sua prima uscita ufficiale con la maglia Reyer. L’Umana sembra soffrire la difesa fisica del Famila e Cinili, appena entrata, piazza la tripla che vale l’11 a 4. Steinberga e Petronyte accorciano e sempre l’ala lettone, con un’azione da tre punti, ristabilisce la parità assoluta (11-11 a -1,38). Penna attacca il ferro per il primo vantaggio Reyer che dura solo pochi secondi dato che, Lisec e Harmon, chiudono la prima frazione sul 15 a 13. L’arresto e tiro di Penna è da manuale e apre il sipario sul secondo periodo. Replica Gruda che, nell’azione successiva, si prende il lusso di stoppare Petronyte. Harmon agevola il nuovo allungo di Schio ma l’altruismo di Macchi consente a Carangelo di insaccare dai 6,75 (19-18 a -8,38). Dotto risponde dalla stessa distanza e questa volta è Petronyte a ridurre il divario. Mano “torrida” di Carangelo dalla lunga e nuovo balzo in avanti delle orogranata (22-23 a -5,56). La classe cristallina di Harmon per il controsorpasso, quindi sono Penna e Lisec a dare una spallata al punteggio. La “linea della carità” sorride a Jillian Harmon che suggella il nuovo +3 (28-25 a -4,00). Tre tentativi dalla lunga dell’Umana, due ad opera di Anderson e uno da parte di Carangelo, non vanno a buon fine e Schio ne approfitta per incrementare il proprio vantaggio. De Pretto si iscrive a referto centrando la retina avversaria da lontano, immediatamente imitata da Keys. Il tiro libero di Cinili sui due concessi dalla terna arbitrale, manda le squadre all’intervallo lungo sul 34 a 28. 

Secondo tempo

Inizia bene per l’Umana il secondo tempo con De Pretto che concretizza la manovra offensiva veneziana riportando i propri colori a soli tre punti. Dotto si invola a canestro mentre sul fronte orogranata si affrettano i tempi tentando senza troppa fortuna soluzioni dalla lunga. La difesa asfissiante del Famila da buoni frutti e Gruda sigla il suo decimo punto personale e il 38 a 31 di metà frazione. Solo retina per Carangelo dai 6,75 e questa volta è Cinili a ricacciare indietro l’Umana. Anderson sotto misura per il 40 a 36 e nuovamente Debora Carangelo, dall’angolo estremo, per la sua quarta tripla che vale il 40 a 39 a 200 secondi dalla terza sirena parziale. Penna aziona la freccia del nuovo sorpasso nonostante i tentacoli protesi di Gruda. La mano di Crippa non trema ma altrettanto ferma è quella di Petronyte da sotto (43-43 a -2,14). Numero di Carangelo sotto il canestro avversario e l’Umana raggiunge quota 45. Al terzo tentativo, dopo due rimbalzi offensivi, Gruda realizza ma è Elisa Penna, che si porta a sua volta in doppia cifra, a mettere dalla lunga il sigillo che chiude il terzo quarto sul 45 a 48. Gli ultimi 10′ iniziano nel segno dell’ala bergamasca, quindi testa a testa tra Keys e Macchi. Penna continua imperterrita il proprio show personale trascinando l’Umana Reyer sul 48 a 54. Keys e Lisec reagiscono con caparbietà ricucendo sino al -3. Gruda in evidenza sotto entrambi i canestri erodendo il vantaggio veneziano. E’ancora il centro transalpino scledense a suonare la carica con quattro punti consecutivi che invertono l’inerzia della gara (57-54 a -3,59). Anderson aggiusta la mira e la sua tripla vale l’ennesimo pareggio. A Petronyte, ben servita da Steinberga, risponde Cinili. Gruda conferma di essere il “braccio armato” del Famila nonostante Petronyte riesca ad impattare a cronometro fermo. Il centro transalpino lancia la volata alle compagne ed il rush finale porta il nome di Crippa e Harmon che mettono a segno gli ultimi punti chiudendo definitivamente l’incontro. Se il risultato finale non è propizio all’Umana Reyer, sono solo positivi i riscontri per coach Ticchi che ha visto lottare le sue ragazze sino alla fine e, finalmente, ha potuto contare, pur con solo un paio di allenamenti alle spalle e con un minutaggio ridotto, su una “Gigi” Petronyte subito in evidenza.

Parziali: 15-13; 34-28; 45-48

Famila Wuber Schio: Keys 7, Lisec 6, Cinili 8, Gruda 22, Chagas n.e., Fassina, Crippa 5, Andrè, Dotto 7, Battisodo, Harmon 12 (all. Pierre Vincent)

Umana Reyer: Anderson 5, Bestagno 1, Carangelo 14, Gorini, De Pretto 6, Steinberga 10, Petronyte 10, Pastore n.e., Meldere n.e., Penna 15, Macchi 2 (all. Giampiero Ticchi)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Totali di squadra:
Famila Wuber Schio: tiri da 2 21/42, tiri da 3 5/18, t.l. 10/17, rimb. dif. 25, rimb. off. 13, p.p. 12, p.r. 8, assist 15
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 17/36, tiri da 3 8/24, t.l. 5/7, rimb. dif. 24, rimb. off. 11, p.p. 15, p.r. 5, assist 16

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento