menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In sopralluogo per "colonizzare" Mestre con le prostitute, arrestato

Venerdì in manette un 30enne romeno di un'organizzazione criminale delle Marche. Tra Romania e Italia sono stati incastrati 25 suoi sodàli

L'organizzazione di cui faceva parte aveva esteso i propri tentacoli dalle Marche fino a tutta la dorsale adriatica. Sbarcando anche in Sicilia. Una banda che sul finire della settimana scorsa è stata sgominata da una operazione della Dda di Ancona, che ha richiesto e ottenuto 26 ordinanze di custodia cautelare in carcere per altrettanti membri romeni del sodalizio. Dovranno rispondere a seconda di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, estorsione, minacce, falsificazione, furto, ricettazione. Insomma, una lista di reati che non finisce più.

Uno dei membri del gruppo è finito in manette proprio a Mestre, secondo gli investigatori perché sapeva di essere braccato dalle forze dell'ordine. Si tratta di B.C., 30enne, che venerdì è stato bloccato a bordo della propria auto di grossa cilindrata subito dopo essere uscito dall'albergo di via Piave a due passi dalla stazione di Mestre dove dimorava. Con ogni probabilità era in trasferta anche per dei sopralluoghi sulle strade della prostituzione veneziane. Per cercare forse di preparare la colonizzazione di alcune aree da parte dell'organizzazione romena smantellata.

Il blitz dei carabinieri nel tardo pomeriggio di venerdì, quando più o meno nelle stesse ore in altri 25 casi scattavano le manette per altrettanti sodàli (anche in Romania). La base dell'organizzazione si trovava a Porto Sant'Elpidio, in provincia di Fermo. Già dal 2011 erano stati estromessi i rivali albanesi nel business, fino a creare una sorta di monopolio. Prostituzione dilagante e incremento degli episodi di violenza. Anche perché l'organizzazione a un certo punto si sarebbe spaccata in due, creando un paio di fazioni rivali. Una storia criminale che ha visto passare i titoli di coda anche a Mestre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento