menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli antidroga al Bissuola, arrestato pusher con l'hashish nelle mutande

Martedì i carabinieri hanno bloccato un 29enne gambiano per stupefacenti. E' stato sorpreso dai militari in borghese durante una manovra a tenaglia. Sequestrati 9 grammi di droga

Tra vedette che girano in bicicletta e pusher veri e propri, i carabinieri sono riusciti a mettere i bastoni tra le ruote a una piccola cellula dedica alla vendita di stupefacenti al parco Bissuola. Alcune ore prima che il sindaco Luigi Brugnaro annunciasse che il polmone verde sarà recintato contro la microcriminalità (DETTAGLI), i militari del Norm di Mestre sono riusciti ad arrestare un 29enne originario del Gambia senza fissa dimora. Si muoveva comunque da un certo tempo a Mestre.

L'arrestato si era creato un punto d'appoggio nel parco sul versante di via Rielta, vicino all'ingresso. E' stato bloccato dagli agenti in borghese con una manovra "a tenaglia", mentre il 29enne stava cercando di scappare in bicicletta dopo aver visto altri militari entrare in divisa nel parco. In tasca diversi contanti di piccolo taglio, oltre che due cellulari. Segnale che lì il gambiano non si trovava per una passeggiata di salute. Le operazioni si sono concluse nella caserma di via Miranese, quando al termine della perquisizione, sono state sequestrate quattro barrette di hashish che il pusher nascondeva tra le mutande per un peso complessivo di 9 grammi. Il giovane, in più, era gravato da diversi precedenti per spaccio. Per lui inevitabili le manette: è stato trattenuto in camera di sicurezza fino alla direttissima di mercoledì mattina. Proseguono le indagini per individuare eventuali complici del 29enne. 

CONTROLLI DELLA POLIZIA A MESTRE - Un altro spacciatore è stato denunciato dalla polizia invece in via Monte San Michele a Mestre, a due passi dalla stazione ferroviaria. Si tratta di un punto di riferimento per giovani di origini africane dove spesso e sovente sono scattate operazioni antidroga. Come nella notte tra martedì e mercoledì, quando un residente ha allertato il 113 segnalando alcune persone che stavano spacciando. Gli agenti hanno sorpreso due ragazzi : il primo, un nigeriano di 19 anni, aveva ancora addosso quasi 8 grammi di marijuana. Il secondo, invece, un 23enne suo connazionale, ha iniziato a inveire contro i poliziotti, tanto da essere costretti a portarlo in questura. Alla fine degli accertamenti il 19enne è stato denunciato per spaccio, il secondo per resistenza a pubblico ufficiale.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento