rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Mestre

L'autobus con i tornelli alle porte è realtà, inizia la sperimentazione

A Mestre si comincerà con le linee meno trafficate e, se tutto andrà per il verso giusto, a breve sarà così su tutti i mezzi Actv: porteghesi addio

Nel quadro della lotta contro l’evasione messa in campo da Actv inizia la sperimentazione dei tornelli installati alle tre porte di un autobus di linea con l’obiettivo di testarne il funzionamento e la facilità d’uso da parte degli utenti. La battaglia dell'azienda di trasporti pubblici veneziana contro i "portoghesi" è scattata a inizio anno, dopo che alcuni rilevamenti hanno evidenziato come il 14 per cento dei viaggiatori sui mezzi urbani non paghi il biglietto. "Il numero è calato sotto al 5 per cento - dichiara Actv - ma adesso partono le misure europee per scongiurare completamente il fenomeno".

GIRI DI PROVA - Inizialmente l’autobus sarà utilizzato su linee che non presentino particolari concentrazioni di passeggeri su singole fermate (con esclusione quindi delle linee che vanno a Venezia), al fine di consentire sia ai passeggeri che al personale aziendale di familiarizzare con questo nuovo sistema in situazioni di relativa tranquillità. Il sistema si compone di una centralina elettronica che, interfacciandosi con la tessera contactless e con le fotocellule poste in prossimità delle semi-barre, permette di effettuare il conteggio dei passaggi avvenuti, nelle diverse fasce orarie della giornata, distinguendo tra regolari e irregolari.

Autobus Actv con tornelli alle porte, ecco come sono

I MEZZI - Grazie a un co-finanziamento della Regione pari al 75%, il settore automobilistico di Actv ha potuto acquistare 9 nuovi autobus autosnodati a metano (Man A23), di nuova generazione, che verranno messi in servizio nella rete urbana di Mestre alla fine di ottobre, in parte per alleggerire l’impiego degli attuali autosnodati (che percorrono ognuno oltre 100mila chilometri all’anno), in parte ad integrare i mezzi impiegati sulle linee 6, 7 e 66 che, a causa della limitata disponibilità attuale, oggi non sono esercitate completamente con autosnodati. I nuovi veicoli, lunghi 18 metri, possono trasportare ciascuno 153 passeggeri di cui 38 seduti, 113 in piedi oltre ad una postazione per disabili in carrozzella. Da ottobre il 34% dei bus circolanti per Mestre sarà a metano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'autobus con i tornelli alle porte è realtà, inizia la sperimentazione

VeneziaToday è in caricamento