rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Mestre Mestre Centro / Piazzale Generale Enrico Cialdini

Incrocio pericoloso, la denuncia: «Donna a terra e vigili dopo 20 minuti»

Il sindacato Cub punta il dito contro l'assenza della polizia municipale all'incrocio pericoloso di piazzale Cialdini, in centro a Mestre, nei giorni di mercato

L'incidente segnalato dal sindacato Cub (Confederazione unitaria di base), venerdì verso le 12.20 in centro a Mestre. Il tram diretto a Venezia «era fermo, in quanto sulle strisce pedonali, all'inizio di Viale San Marco, era supina a terra una signora investita da un furgone. L'ambulanza e i vigili urbani sono arrivati attorno alle 12.40».

La sigla afferma: «Invece di deviare il traffico privato non di linea proveniente da via Ca' Rossa per Via Bissuola, predisponendo la presenza della municipale a tale scopo, i mezzi hanno continuato ad attraversare l'incrocio di piazzale Cialdini. Discutibile - continua Cub - che nelle giornate di mercato, mercoledì e venerdì, siano praticamente assenti le forze di polizia municipale, prova ne è l'arrivo sul posto dell'incidente dopo circa 20 minuti».

Per la sigla tutto sarebbe collegato al fatto che «in via Cà Rossa è permesso il transito di mezzi privati che intasa e rallenta il passaggio dei mezzi pubblici - inoltre - era stato detto che con l'apertura di via Vallenari bis il traffico si sarebbe spostato dal centro Mestre, cosa vera solo in minima parte. Augurandoci che la signora incidentata non abbia riportato ferite gravi - conclude Cub - chiediamo di intervenire per trovare una soluzione ragionevole a questa situazione, in particolare al mercoledì e al venerdì, ripristinando la funzione del semaforo, predisponendo una presenza di vigili urbani e dirottando il traffico da questo punto centrale».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incrocio pericoloso, la denuncia: «Donna a terra e vigili dopo 20 minuti»

VeneziaToday è in caricamento