menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ragazzini terribili": bengalese pestato e rapinato dalla baby gang

L'aggressione giovedì sera all'altezza della Pam di corso del Popolo a Mestre. Un gruppo di minorenni ha preso a pugni la vittima, poi la fuga

Si muovono in gruppo, come spesso accade. E come spesso accade si lasciano andare anche ad azioni di cui andare poco orgogliosi. La violenza è esplosa fulminea giovedì sera in corso del Popolo, di fronte al supermercato Pam, e ha visto protagonista suo malgrado un incolpevole cliente 23enne bengalese raggiunto da un possente pugno in faccia e rapinato del telefono cellulare.

Protagonisti dell'atto criminale dei teppisti con ogni probabilità minorenni, almeno secondo le dichiarazioni del ferito. Non il primo caso del genere tra Mestre e Marghera di ragazzini "terribili" che mettono nel loro mirino cittadini bengalesi. Li aggrediscono in gruppo, quando il più delle volte le vittime si trovano da sole e nell'impossibilità di difendersi. Agguati vigliacchi, che hanno indotto la squadra mobile della questura recentemente a richiedere alla Procura anche delle ordinanze di custodia cautelare. Sono scattati arresti e perquisizioni nei mesi scorsi.

Ora l'ennesima rapina, anche se secondo le forze dell'ordine è probabile che questo episodio non debba essere ricondotto a quelle baby gang che tanto avevano fatto parlare di sé. Con tanto di corteo per chiedere sicurezza della folta comunità bengalese che vive in città.

Fatto sta che anche in questo caso si parla di violenza e di rapine perpetrate da minorenni: l'aggressione un quarto d'ora dopo le 20 di giovedì in corso del Popolo. Il gruppetto (una decina di 15enni, non tutti italiani) si avvicina alla vittima e uno dei giovani le sferra un cazzotto al volto, non prima di averlo sbeffeggiato. Dopodiché gli strappa di dosso il cellulare e scappa in compagnia dei suoi complici. L'allarme viene lanciato dal cugino della vittima che ha assistito alla scena e che ha allertato la centrale operativa del 113. Sul posto sono intervenute le volanti della questura, che hanno raccolto la testimonianza non solo del derubato, ma anche di chi ha richiesto l'intervento delle forze dell'ordine. Il gruppetto è scappato di corsa in direzione di via Kolbe.

Dopodiché la vittima ha deciso di raggiungere il pronto soccorso per farsi refertare i traumi subiti: è stata dimessa con una prognosi di una quindicina di giorni. Avrebbe riportato la rottura di due denti. Ma ciò che è successo ha una gravità che va ben oltre le ferite. Il 19 settembre scorso un cittadino bengalese era stato picchiato per strada in via Napoli, a poca distanza da corso del Popolo, da due quindicenni a scopo di rapina. Uno dei due venne individuato dalla polizia e riaccompagnato a casa. Per l'aggressione di giovedì sono al vaglio le immagini delle telecamere di sorveglianza che insistono sul punto dove materilamente è scattata la rapina: la speranza è che vittima e testimone possano nel caso riconoscere tramite i filmati i protagonisti dell'agguato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento