menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La violenta rapina in tabaccheria a Chirignago: c'è una persona fermata dalla polizia

Il colpo nel primo pomeriggio di lunedì in via Ivancich. Negoziante colpito 3 volte alla testa con il calcio della pistola. La scintifica ha concentrato l'attenzione su possibili impronte

A poche ore di distanza dalla violenta rapina di via Ivancich a Mestre, nel corso della quale un negoziante è stato colpito tre volte con il calcio della pistola alla testa, è stata bloccata una persona "gravemente indiziata" di aver messo a segno il colpo assieme a un complice. Nelle prossime ore si dovrebbe tenere l'udienza di convalida. Ad "acciuffare" il sospetto è stata la squadra mobile della questura, intervenuta subito dopo le volanti all'interno dell'esercizio commerciale situato in via Miranese.

I VIDEO DEI RILIEVI DELLE FORZE DELL'ORDINE

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il complice del presunto criminale è ancora in fuga, ma non si escludono novità nelle prossime ore o nei prossimi giorni. E' possibile che il fermato, residente nel Veneziano, abbia commesso qualche errore durante la tentata rapina al supermercato Prix o durante l'assalto armato alla tabaccheria. Secondo la testimonianza dell'aggredito, uno dei due criminali non indossava i guanti al momento del colpo. Non è un caso quindi che i rilievi della polizia scientifica per lungo tempo si siano concentrati sulla maniglia della porta d'ingresso del negozio: che i criminali avrebbero chiuso al momento del loro ingresso.

Gli esperti della questura hanno scattato miriadi di fotografie molto ravvicinate: è possibile quindi che uno dei rapinatori abbia lasciato un'impronta. Si tratterebbe di un errore grossolano, ma in grado di mettere sulla buona strada gli inquirenti. Si tratta comunque di un fermo di indiziato di delitto, quindi non di un arresto in flagranza. Evidentemente le forze dell'ordine sono riusciti a bloccare il sospetto a ore di distanza dal colpo che ha fruttato alla coppia alcune centinaia di euro. I due sono fuggiti a bordo di uno scooterone Cmax bianco e nero rubato poco prima sempre a Mestre. Il proprietario ha denunciato il furto sempre nella giornata di lunedì.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento