menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La sedia ostruisce l'ingresso alla toilette: scoppia la rissa, cliente ferito con un coltello

Martedì mattina un 29enne kosovaro, allo stato irreperibile, è stato condannato a 4 anni di reclusione e al pagamento di 5mila euro di risarcimento nei confronti di un 56enne

La rissa era scoppiata perché con una sedia uno dei coinvolti non rendeva agevole raggiungere il bagno. Da lì gli animi si sono accesi ed è successo il finimondo: tanto che un cittadino di 29 anni di origini kosovari a un certo punto ha estratto un taglierino e ha ferito a una gamba uno degli "avversari", recidendogli il nervo sciatico. Da quel momento il ferito, un macedone, è rimasto zoppo, dovendo fare i conti con diversi problemi. La riabilitazione è durata a lungo, causando anche problemi a livello lavorativo alla parte offesa.

Per questo motivo il giudice martedì mattina ha condannato in primo grado il 29enne kosovaro a 4 anni di reclusione, oltre che al pagamento di 5mila euro come risarcimento del danno subito dal 56enne macedone, presente al momento della lettura della sentenza. Il condannato, invece, si è reso irreperibile. Secondo l'accusa, il 29enne se la sarebbe presa con un trio di macedoni tranquillamente seduti al bar: a quel punto gli animi si sarebbero incendiati e sarebbero arrivati i rinforzi per il giovane kosovaro. Ad avere la peggio sarebbero stati gli "avversari" macedoni, presi a calci e pugni. Uno del trio sarebbe stato anche raggiunto da una bottigliata in testa, riportando traumi guaribili in pochi giorni. Per il 56enne attinto dalla lama, la vita non è più stata la stessa da quel momento in poi. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento