Attualità

Quadri, merletti, lastre fotografiche e cimeli d’epoca napoleonica: donate a Venezia opere per 400mila euro

Diverse le donazioni arrivate al Comune, opere dal valore inestimabile

Sedici opere della storica pittrice veneziana Andreina Rosa, 877 lastre fotografiche dell'Agenzia AFI (Archivio Fotografico Italiano) raffiguranti quadri e altre opere d’arte di collezioni e una serie di tessuti novecenteschi e completi di abbigliamento. E' quanto hanno donato dei cittadini veneziani al Comune di Venezia. Un patrimonio che ha il valore di oltre 400mila euro.

Le opere di Andreina Rosa, del valore di 65mila euro, sono state donate dagli eredi, nella volontà di onorare la memoria di una donna che è stata sempre presente alla Biennale dal 1950 al 1970. Un’artista multiforme che aveva saputo coltivare, oltre alla pittura, la grafica e le arti applicate, in particolare il mosaico e la lacca. I collezionisti Mestrovich, invece, hanno deciso di donare le 877 lastre fotografiche per un valore di 8.770 euro. Tutte queste opere saranno concesse in comodato d'uso gratuito alla Fondazione Musei Civici di Venezia.

Altri tre blocchi di donazioni, tutte legate al mondo del tessile, andranno ad incrementare le collezioni del Museo del Merletto di Burano e del Museo di Palazzo Mocenigo di Venezia, per un valore di 199 mila euro. Il primo e più consistente lotto riguarda i beni donati da parte della famiglia Marcello Gnecchi. Il secondo lotto è stato donato dalla famiglia Mestrovich. L'ultimo lotto da parte della famiglia Ratti di Desio.

Un'altra donazione è arrivata dalla professoressa Paola Sancassani, veronese di nascita ma veneziana d’elezione e grande appassionata di storia, che ha regalato alla città 32 pezzi di notevole qualità storico artistica e costituita da miniature del secolo XIX, cimeli, piccole sculture, medaglie, il tutto di pertinenza napoleonica per un valore di stima complessivo di euro 132mila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quadri, merletti, lastre fotografiche e cimeli d’epoca napoleonica: donate a Venezia opere per 400mila euro

VeneziaToday è in caricamento