È cafoscarina la direttrice del primo istituto italiano di cultura negli Emirati Arabi

Si tratta di Ida Zilio Grandi, docente di lingua e letteratura araba dell’università Ca’ Foscari

Ida Zilio Grandi

Ida Zilio Grandi insegna Islamologia, lingua araba e relazioni e politiche internazionali all'università Ca' Foscari Venezia e da gennaio 2019 è stata nominata direttore dell’Istituto Italiano di cultura di Abu Dhabi, che inaugura la sua sede domani, 1 ottobre 2019. La sua formazione arabistica e islamologica e i numerosi viaggi di studio e ricerca in Marocco, Egitto, Tunisia, Giordania e  Libano, sono probabilmente all’origine della scelta del ministero degli Esteri italiano, l’ente che le ha conferito questo ruolo strategico.

Polo culturale

Negli ultimi anni i Paesi del Golfo e gli Emirati in particolare hanno manifestato la volontà di costituire un polo culturale oltre che economico nel mondo arabo e islamico, e i grandi investimenti vanno effettivamente in questo senso. «Credo - spiega la docente - che il Ministero cercasse una persona in grado di interagire con la cultura locale, di promuovere il "Sistema Paese" conoscendo i presupposti di quella data realtà estera. L’attenzione per la cultura italiana negli Emirati è molto forte. Italia vuol dire arte, design industriale, moda, buona cucina. Il nostro Paese è percepito in generale come sinonimo di sensibilità estetica, di bellezza e buon gusto; ed è stimato anche per le alte tecnologie, ad esempio la ricerca robotica».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Produzione letteraria e artistica italiana

Il primo passo per  la nuova direttrice sarà quello di mettere in luce non solo la produzione italiana attuale, letteraria e artistica in senso lato, ma soprattutto la capacità di fare, magari focalizzando l’attenzione su alcune città. «Gli italiani sono bravissimi a produrre bellezza, e quel che è altrettanto importante è che sanno insegnare come farlo, quindi  pensavo a scuole, corsi di formazione, workshop, sempre in collaborazione con le istituzioni locali.  - ha agggiunto - A lungo termine penserei, sempre insieme alle autorità emiratine, alla fondazione di un consorzio di università italiane, come ha auspicato appunto dall’ambasciatore emiratino in Italia, Omar al-Shamsi. Vorrei mettere in luce anche il talento delle donne, italiane e altre, nei  diversi campi della produzione culturale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento