menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venezia, ecco il bando per 126 posti barca nei canali

Pubblicato sul sito del Comune, riguarda spazi di ormeggio nei rii della città storica e delle isole. Altri 323 a disposizione prossimamente

È stato pubblicato sul sito del Comune di Venezia il bando per la formazione di graduatorie per l'assegnazione di concessioni acquee e l'istituzione, nei rii e canali interni, di spazi acquei. I posti, con assegnazioni permanenti, sono 126 in tutto: 10 a Dorsoduro, 3 a Santa Croce, 4 a San Polo, 26 a Cannaregio, 1 a San Marco, 15 a Castello, 11 alla Giudecca, 14 al Lido di Venezia, 20 a Burano e 22 a Murano. Potranno essere richiesti da persone fisiche residenti o proprietari di immobili non adibiti ad attività ricettiva in città, per imbarcazione da diporto o da lavoro che non superino i 12 metri di lunghezza e i 2,4 di larghezza, oppure da enti o imprese produttive prive di concessioni di spazi acquei, che mantengano, per la durata della concessione, la residenza o la sede dell'attività in centro storico o nelle isole. Le richieste degli spazi messi a bando possono essere effettuate per barche tipiche in legno e non in legno e per altre tipologie di natanti purché non in ferro ed acciaio. Le novità più importanti:

  • sono esclusi dalla possibilità di fare domanda i non residenti anche se proprietari di immobili insistenti nel territorio comunale se adibiti ad attività ricettiva;
  • in merito alla potenza del motore il punteggio verrà calcolato su quella effettiva e non su quella commerciale (i cosiddetti fuoribordo 9,9/20 avranno lo stesso punteggio dei fuoribordo da 20 cavalli);
  • avranno un punteggio superiore i familiari di persone diversamente abili e coloro che hanno partecipato al precedente bando, rimanendo esclusi.

Come fare domanda

La domanda potrà essere effettuata esclusivamente online mediante utilizzo di Spid o di carta nazionale dei servizi, entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del bando (29 novembre 2018). Il costo di istruttoria è stato ridotto del 50% rispetto ai precedenti bandi e ora costa 50 euro. Qualora il cittadino preferisse la modalità assistita con operatore, fermo restando l’obbligo di utilizzo di Spid o Carta nazionale dei Servizi, potrà usufruire dei computer messi a disposizione dall’ufficio Mobilità e trasporti di calle Cavalli e dall’URP di Mestre. In questo caso il costo di partecipazione è di 100 euro. Altra novità è che si potranno pagare i diritti con tutte le carte di credito e, inoltre, a partire dal 5 dicembre 2018, sarà possibile caricare direttamente sul portale online le ricevute di avvenuto pagamento di bollettini postali e bonifici.

Altri 323 posti in arrivo

Per il sindaco Luigi Brugnaro, il bando «fa ordine su una questione che da anni aspettava di essere risistemata, al fine di consegnare ai cittadini un importante strumento per la mobilità nella città storica e insulare». A questi 126 posti barca, comunica l'amministrazione, se ne andranno ad aggiungere altri 323, creati attraverso i nuovi spazi a tempo deliberati dal Consiglio comunale. Una decisione che ha l'obiettivo di rendere più facili, a quanti vivono o frequentano la città, tutte le attività quotidiane come fare la spesa, ritirare un pacco, il carico/scarico di effetti personali, o semplicemente un pasto al ristorante in un'isola senza dover avere il pensiero di dove poter ormeggiare la propria imbarcazione.

Per ulteriori informazioni consultare le FAQ al seguente indirizzo https://goo.gl/zKGzrb

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento