menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Armati di buona volontà e di decespugliatore: la facciata della Rana torna alla vista

Una gruppo di cittadini si è dato appuntamento sabato in via Fratelli Bandiera a Marghera facendo pulizia nell'area antistante la chiesetta: "A settembre nascerà i-ProgressiVe"

Erano armati di buona volontà, guanti e rastrelli. Con in più il "rinforzo" di un decespugliatore. Un gruppo di cittadini sabato mattina si è rimboccato le maniche e si è dato appuntamento davanti alla chiesetta di Santa Maria delle Grazie, comunemente chiamata "della Rana", all'inizio di via Fratelli Bandiera a Marghera. L'area antistante è stata completamente ripulita, restituendo alla vista ciò che prima era nascosto da rami, erba e sporcizia. L'edificio del XVI secolo costituisce di fatto un simbolo in una zona alle prese con molti problemi, specie in fatto di prostituzione e spaccio. 

"Le periferie torneranno al centro"

L'obiettivo del blitz è di riportare d'attualità l'accordo, per ora disatteso, tra municipalità, Autorità portuale, Curia e Soprintendenza stipulato nel 2015: l'edificio sarebbe dovuto essere restaurato. “Noi ci batteremo affinché nessuna parte del Comune di Venezia si senta abbandonata - dichiarano i promotori dell'iniziativa, che fanno parte dell'associazione 'i-ProgressiVe' - Non ci devono più essere periferie, tutti hanno il diritto a vivere bene, sicuri, con servizi adeguati. Qui alla Rana vogliamo lanciare un segnale: per via Fratelli Bandiera, come per via Piave, i parchi della Bissuola e della Gazzera, le isole della laguna, Trivignano e Zelarino, l’amministrazione predisponga progetti di rigenerazione urbana e di partecipazione dei quartieri. Iniziamo da qui, per lanciare un percorso di coinvolgimento di tutti”.

Nasce "i-ProgressiVe"

“i-ProgressiVe - afferma Marco Caberlotto, uno dei promotori - si costituirà in maniera aperta a tutti a settembre e conta già una trentina di aderenti. Sarà uno spazio di idee e azioni, nel quale potranno riconoscersi i progressisti, gli innovatori, i liberali e i democratici, senza appartenenza di partito ma nel rispetto dei valori comuni a questo pensiero. 'i-ProgressiVe' proverà a coniugare questo impegno cittadino, sulle questioni più tangibili per le persone, con il cammino intrapreso negli ultimi mesi, in cui abbiamo coinvolto personalità di calibro nazionale, tra le quali l’ex vicepresidente della Camera, Roberto Giachetti, e l’ex sottosegretario al Commercio Internazionale, Ivan Scalfarotto, affrontando con loro, a Venezia e a Mestre, i temi dei diritti, dell’Europa, del futuro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento