Cronaca

Venezia ancora sott'acqua, ma il vento si placa: 103 centimetri in tarda mattinata

Disagi per chi si muove a Venezia, sia a piedi sia sfruttando i mezzi di trasporto, con corse limitate e dirottate per l'alta marea. Il centro maree ha rivisto le previsioni al ribasso

L'acqua alta continua ad interessare Venezia. Anche se, dopo il picco di 127 centimetri nella notte tra domenica e lunedì, la situazione nei primi giorni della settimana è tutto sommato nella norma. Il picco previsto per la tarda mattinata del 7 novembre (115 centimetri) è stato infatti rivisto dal centro maree, che segnala: "La marea ha raggiunto la quota massima di 103 centimetri alle 11.35, con un allagamento del suolo cittadino di circa il 5%". La riduzione è dovuta alla "brusca attenuazione della velocità del vento di Bora, che da giorni soffiava senza tregua, e il conseguente ridimensionamento della previsione di marea sotto i 110 centimetri. Infatti, in mare aperto il vento è passato in breve tempo da oltre 75 chilometri orari a meno di 40". A Chioggia il livello di marea ha raggiunto la quota di 120 centimetri alle 11.15.

Linee Actv dirottate o limitate

Le previsioni del Centro maree porteranno al frazionamento delle corse delle linee Actv, con conseguenti variazioni. Tra queste, la linea 2 da MVE è limitata al Tronchetto (dalle 9.49 in poi), mentre da Rialto via Canal Grande si ferma a Piazzale Roma (dalle 10.25). La linea 4.1 da F. Nove è limitata ai Tre Archi (dalle 10.34), allo stesso modo la 4.2 ferma a San Zaccaria (dalle 10.21). La linea 5.1 dal Lido è limitata ai Tre Archi, mentre sono dirottate via Canal Grande la 5.2 e la 6, sempre dal Lido.

Previsioni per i prossimi giorni

Per i prossimi giorni la situazione della marea andrà normalizzandosi. Per la notte tra martedì e mercoledì sono previsti 90 centimetri all'1.25, mentre si prevedono 95 centimetri per mercoledì mattina alle ore 12.30.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venezia ancora sott'acqua, ma il vento si placa: 103 centimetri in tarda mattinata

VeneziaToday è in caricamento