Aggressione a morsi e coltellate per una sigaretta, uno dei feriti colpito alla testa

Si tratta di un veterinario veneziano raggiunto alla tempia da un'arma da taglio. Il fatto è accaduto nella notte tra venerdì e sabato, verso le 3, vicino al Ponte de Fero a Treviso

Polizia, archivio

Avvicinati e circondati da una decina di ragazzi due 36enni sono stati aggrediti a morsi e coltellate, nella notte tra venerdì e sabato, verso le 3, vicino al Ponte de Fero, a Treviso. Una delle vittime è un veterinario veneziano ferito alla testa con un coltello. L'altro è un manager trevigiano.

Le vittime

Dopo essere stati avvicinati con il pretesto della richiesta di una sigaretta, i 36enni sono stati aggrediti. Il veterinario è rimasto colpito in maniera grave alla testa con un coltello, e il manager sarebbe stato morso a un dito da uno dei malviventi. Sull'episodio, riportato oggi, martedì 23 luglio, dal Gazzettino di Treviso, indaga la squadra mobile di Treviso. Entrambi sono dovuti ricorrere alle cure mediche degli infermieri del pronto soccorso di Treviso. Più gravi le condizioni del veterinario: uno dei balordi ha piantato un coltello sulla sua tempia, rischiando di ucciderlo, quasi sfondandogli il cranio. L'altro amico è stato medicato e curato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'aggressione

Per identificare il gruppo di bulli, tutti di circa 20 anni, saranno visionate le telecamere di videosorveglianza del centro storico. Le due vittime avevano trascorso la serata a Suoni di Marca, sulle mura, e poi Al Dazio, con le rispettive fidanzate. Quando si sono diretti a recuperare le loro auto, verso il Ponte de Fero, è scattato il piano criminale della gang. Una ragazza che si trovava con i malviventi è risalita dalle panchine in riva al Sile, fino alla strada, per chiedere loro una sigaretta. Si trattava evidentemente di una trappola. I due 36enni hanno consegnato la sigaretta richiesta alla giovane e poi è scattato l'agguato: prima i pugni e i calci, selvaggiamente, poi è saltato fuori il coltello. La lotta tra i due e i giovani è proseguita perfino dentro alle acque del Sile ed è terminata solo quando il veterinario e il manager sono riusciti a fuggire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Schianto in macchina nella notte, morto un ragazzo

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento