menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti per un milione di euro, un componente della banda catturato in Romania

L'arresto segue una serie di misure cautelari decretate al termine dell'indagine condotta dai carabinieri di Portogruaro. Il 26enne è responsabile di almeno tre episodi

Un altro componente della banda arrestato. G.M., 26enne romeno, colpito da mandato di cattura europeo, è stato bloccato martedì in Romania, dove si era rifugiato probabilmente pochi giorni prima del blitz in cui erano stati arrestati i suoi complici. Si aggiunge così un nuovo tassello all'indagine “Footing”, che lo scorso 1 febbraio aveva visto l’arresto in esecuzione di misura cautelare di cinque cittadini romeni tra Vicenza e il Bergamasco, responsabili di numerosi furti ai danni di aziende e privati del nord Italia per oltre un milione di euro. 

Quest'ultimo faceva parte della stessa compagine di malviventi che all’epoca gravitavano in provincia di Bergamo. In particolare il romeno, figura di spicco della banda, risultava arrestato e denunciato più volte nel corso del 2014 in provincia di Milano ed era poi stato destinatario di un provvedimento di espulsione eseguito nel 2015 dalla questura di quella provincia. Il 26enne è stato localizzato dalle autorità locali in seguito ad una efficace collaborazione con gli inquirenti italiani martedì pomeriggio, nei pressi della città di Craiova, situata a oltre 200 chilometri ad ovest di Bucarest, comunque ben lontano dalla sua dimora abituale nota alle forze di polizia italiane.

È stato incarcerato provvisoriamente sul posto, in attesa che l’autorità giudiziaria italiana invii la documentazione processuale a quella romena. Secondo le indagini svolte dal nucleo operativo del comando compagnia di Portogruaro il ruolo del romeno sarebbe stato determinante nei colpi messi a segno il 27 maggio 2015 ai danni della ditta Ottica.com e del deposito comunale di Portogruaro, il 10 giugno 2015 all'East Gate Park di Fossalta di Portogruaro e il 17 giugno a Lallio (Bergamo) ai danni della ditta Cfc.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento