Ai domiciliari, esce per spacciare: trovato con un sasso di cocaina e 2 chili di hashish in casa

Lo spacciatore, un 25enne albanese di Ceggia in attesa di estradizione, si trovava con la compagna 19enne. Per lei è scattata la denuncia a piede libero

Si trovava in giro in auto a San Donà di Piave con la compagna, nonostante fosse ristretto agli arresti domiciliari in attesa di estradizione. Ma c'è di più, perché D.X., 25enne albanese domiciliato a Ceggia, e H.N., sua connazionale di 19 anni, sono stati trovati dai carabinieri in possesso di un sasso di cocaina del peso di 50 grammi. In casa, inoltre, la coppia nascondeva più di 2 chili di hashish. Il ragazzo è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio in concorso, mentre la compagna è stata denunciata in stato di libertà per lo stesso reato. Sul 25enne pende anche l'accusa di evasione.

In auto con un sasso di cocaina

I carabinieri di San Donà erano impegnati in un servizio di controllo del territorio e repressione dello spaccio quando li hanno individuati a bordo di una Golf nei pressi di via Saragat. Il giovane, evaso dai domiciliari, è stato perquisito alla pari della sua ragazza. In particolar modo, all'interno della sua borsetta i militari hanno trovato il sasso di cocaina e pochi grammi di marijuana, oltre a 380 euro in contanti, poi sequestrati, considerati il provento dell'attività di spaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più di 2 chili di hashish nell'armadio

I controlli sono poi continuanti nell'abitazione di Ceggia domicilio della coppia. Dentro ad un armadio, nella fattispecie, i due nascondevano 4 panetti di hashish, per un totale di circa 2,2 chili, un bilancino di precisione e un telefono cellulare, con ogni probabilità utilizzato per gestire il proprio business di spaccio. Al termine delle formalità, lo spacciatore è stato portato al carcere di Santa Maria Maggiore di Venezia, mentre la compagna è stata denunciata a piede libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento