Una lite in strada, poi la ritorsione: scatta l'assalto armato al circo

Una decina di persone ha fatto irruzione all'Orfei a Mestre mercoledì: tutto sarebbe nato da un tafferuglio due ore prima. Domatore ferito

Un vero assalto armato è andato in scena intorno alle 12.30 al circo Nelly Orfei attendato a Mestre, in via Eugenio Bacchion. Stando alla ricostruzione dei proprietari, un gruppo di vandali armati di asce, coltelli e spranghe di ferro ha fatto irruzione in un momento in cui nel circo non c’era nessuno, cominciando a sfasciare tutto il possibile. Sotto i colpi degli sconosciuti sono finiti vetrate, tavoli del bar e sedie, ma anche le corde che tenevano in piedi i tendoni e le ruote di alcuni mezzi.

In realtà, pare, tutto inizia già un paio d'ore prima con un tafferuglio in strada: la dinamica precisa degli avvenimenti è ancora al vaglio delle forze dell'ordine, ma a quanto pare uno dei domatori, 29enne, sarebbe uscito dall'area del circo senza rispettare la precedenza e tagliando la strada a una Peugeot 207 blu condotta da un uomo dalle probabili origini dell'Est Europa. I due escono dai rispettivi veicoli e in poco tempo dalle parole si passa alle mani: il domatore distrugge uno dei due finestrini anteriori dell'auto dell'altro, che per tutta risposta gli rifila un cazzotto sul naso e glielo rompe.

L'episodio per il momento finisce lì, ma circa due ore più tardi l'avversario si ripresenta al circo, stavolta accompagnato: sono due automobili, la stessa Peugeot blu e un'altra utilitaria di colore grigio metallizzato, da cui scendono circa 10 individui con i volti scoperti che danno inizio alla scorribanda. Si dirigono verso il bar, subito dopo l'ingresso sulla sinistra, dove ritrovano il domatore in compagnia di altri due dipendenti del circo. A quel punto scatta l'aggressione. Le versioni dei testiimoni sono discordanti su alcuni dettagli: c'è chi dice di aver visto un componente del gruppo con in mano un'accetta subito dopo essere sceso dall'auto, altri che parlano di spranghe di ferro. Di certo sono spuntati i bastoni. E c'è chi sottolinea come non solo il domatore 29enne sarebbe alle prese con una frattura al naso, ma anche con una ferita da arma da taglio all'avambraccio.

A prendere la parola è il direttore del circo, Darix Martini: "Ho urlato di chiamare subito la polizia - aveva spiegato - Poco dopo la banda di energumeni si è data alla fuga. Poi sono stato effettivamente io ad allertare le forze dell'ordine. Non abbiamo mai dato fastidio a nessuno, né tantomeno abbiamo nemici: siamo allibiti, ora chiediamo protezione alla polizia e i carabinieri. L’intento dei balordi era di distruggere il circo, avevano una furia che faceva paura". Sul posto si sono portati gli agenti delle volanti per i rilievi, oltre a quelli della Digos per le impronte digitali. Il circo Orfei disporrebbe comunque di un impianto di telecamere a circuito chiuso, che potrebbero aiutare nelle indagini. Fatto sta che i segni del raid erano ben visibili mercoledì: le vetrine del bar erano state mandate in frantumi. "Il nostro trapezista, un 32enne - conclude Martini - ha  capito cosa stava accadendo e ha scavalcato il bancone mettendosi al sicuro. Lo stesso non è riuscito a fare il domatore, ora dovremo anche trovare un sostituto. In tutti questi anni non ci era mai capitato nulla del genere, nemmeno nelle zone più malfamate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Vishing, la truffa che "svuota" il conto corrente: tre denunce

  • Coppia di turisti aggredita e picchiata da una baby gang a Campo Santa Margherita

  • Un festival del cicchetto a Mestre: «Tradizione gastronomica, offerta turistica di qualità»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento