rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

Il suo ex è stato arrestato due volte per stalking: si trova i finestrini dell'auto distrutti

Sulla vicenda indagano i carabinieri. La donna, 50enne, martedì ha trovato il finestrino anteriore destro in frantumi e il parabrezza danneggiato con un corpo contundente

Il sospetto è che l'ennesimo danneggiamento subito possa essere stato perpetrato dall'ex marito, da cui ha divorziato oramai da una decina d'anni. Un incubo che non sembra avere mai fine per una donna residente nel Veneto orientale che martedì si è ritrovata i vetri dell'auto completamente in frantumi. Sulla vicenda ci sono indagini in corso da parte dei carabinieri, e non è escluso che il magistrato, nel caso lo ritenga opportuno, possa chiedere delle misure di limitazione della libertà personale dell'ex della donna, arrestato già due volte per atti persecutori in passato. Tutto è però ancora al vaglio.

I finestrini sono stati danneggiati con un corpo contundente nella giornata di martedì a Fossalta di Piave: quello anteriore destro si mostrava completamente distrutto, con i vetri sul sedile. Anche il parabrezza non è stato risparmiato, colpito con qualcosa di simile a un martello. Con ogni probabilità i militari dell'Arma, che hanno raccolto la denuncia della proprietaria del veicolo, una 50enne romena da tempo in Italia. Dopodiché sarebbe anche stato ascoltato l'ex coniuge.

Nei suoi confronti nel tempo sono stati aperti due processi sempre per atti persecutori. In passato si sarebbe reso protagonista di numerose molestie e offese, pedinando la vittima, suonandole spesso alla porta, inviandole messaggi e sottoponendola a una lunga serie di insutli e minacce, finché quest'ultima non ha deciso di rivolgersi alle forze dell'ordine. Esasperata. Nonostante arresti e processi, però, se i sospetti saranno confermati, lo scenario non sembra essere cambiato granché. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il suo ex è stato arrestato due volte per stalking: si trova i finestrini dell'auto distrutti

VeneziaToday è in caricamento