Cronaca

Presente e futuro nei piani di miglioramento di AVM: pronto vaporetto elettrico tra 18 mesi

Un anno e mezzo, questo il tempo previsto dal direttore dell'azienda per portare su acqua il mezzo del futuro: a rallentare il processo potrebbe essere solo la burocrazia

Giovanni Seno, direttore generale di AVM, nella giornata di venerdì non si è limitato a premiare con un riconoscimento il lavoro svolto dal preposto Mauro Grandi e dal marinaio Mattia Rossetti: il direttore infatti, lo riportano i quotidiani locali, ha colto l’occasione per parlare del presente e del futuro dell’azienda veneziana.

Spalleggiato dai dirigenti Cuzzolin e Cattozzo, con la presenza dell’assessore ai trasporti Renato Boraso, Seno ha annunciato l’imminente diffusione di un’indagine (sul modello del sondaggio), in cui verrà esposto il parere dei tanti utenti che si servono dei mezzi AVM in relazione al loro livello di soddisfazione. Pare, benché non sia possibile parlarne ancora con l’ufficialità dovuta, che il 72% degli intervistati si sia detto soddisfatto, o addirittura molto soddisfatto.

Per quanto riguarda l’avvenire resta il progetto ambizioso di un vaporetto elettrico, sarebbe il primo per la città lagunare e rappresenterebbe un entusiasmante atto concreto in favore dell’ambiente. Difficile stabilire con certezza quando vedremo correre il mezzo lungo Canal Grande, ma Seno assicura che – salvo lentezze burocratiche – non ci sarà da aspettare che 18 mesi.

In vista dell’estate le corse modificheranno i propri orari senza grossi cambiamenti rispetto a quanto avvenuto lo scorso anno (l’orario estivo scatterà a partire dal 27 maggio), nel frattempo si attende l’arrivo del ministro Franceschini, previsto per il 12 del mese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presente e futuro nei piani di miglioramento di AVM: pronto vaporetto elettrico tra 18 mesi

VeneziaToday è in caricamento