Cronaca

Picchia e umilia la moglie per anni, poi la violenta: condannato a 3 anni e mezzo

La sentenza nei confronti di un 38enne di Cavallino-Treporti è stata letta mercoledì mattina in Tribunale a Venezia. Vittima una 32enne che in 10 anni avrebbe subito soprusi e minacce

Un incubo che durava da dieci anni che si è concluso solo quando le forze dell'ordine si presentarono davanti a lui con un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale. Era il 5 agosto scorso e a finire in manette fu un 38enne originario di Jesolo ma residente a Cavallino-Treporti che, secondo l'accusa, avrebbe reso impossibile la vita a sua moglie, 32enne. Ora si è arrivati alla sentenza di primo grado: l'uomo è stato condannato a 3 anni e 6 mesi di reclusione. Il dispositivo è stato letto mercoledì mattina in Tribunale a Venezia. 

I maltrattamenti

La moglie sarebbe stata ripetutamente picchiata, minacciata, umiliata, anche davanti ai due figli della coppia. Colpi proibiti, parole grosse, l'impossibilità di frequentare nuove cerchie di amicizie, di avere un profilo social: la gelosia del 38enne appariva senza alcun controllo, fino a sfociare in violenze fisiche e psicologiche. Negli anni in più riprese sarebbero partite anche minacce di morte e, a volte, dalle parole si sarebbe passati ai fatti. Come il 27 luglio scorso, quando la donna venne presa per il collo e le venne sibilato "ti cavo gli occhi". 

La violenza sessuale

Il giorno prima, poi, una violenza sessuale. Un rapporto contro volontà che la vittima fu costretta a subire. Abbastanza per indurre il giudice a chiedere una custodia cautelare in carcere e per giungere a una sentenza di condanna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia e umilia la moglie per anni, poi la violenta: condannato a 3 anni e mezzo

VeneziaToday è in caricamento