menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Avis, le donazioni ancora in calo nel Venziano: "Ma nessuna criticità come nel 2015"

Il trend è stato chiaro anche negli ultimi 12 mesi, ma il fabbisogno di sangue per fortuna è stato inferiore nel territorio dell'Ulss 12. La chiave? "Che i giovani donino più volte"

Donazioni di sangue in calo nel 2016, come nel 2015. Il trend ormai da tempo, almeno nel territorio dell'Ulss 12 è chiaro, anche se quest'anno non si sono registrate le criticità di 12 mesi prima. In alcuni periodi del 2015, infatti, l'azienda sanitaria è stata efficacemente supportata dal sistema trasfusionale regionale e dagli altri dipartimenti del territorio. 

Come invertire la tendenza? "Ci appelliamo al senso civico dei donatori, soprattutto ai giovani - dichiara Giorgio Brunello, presidente provinciale dell'Avis di Venezia - questo calo è anche frutto di selezioni più accurate, il che va a tutto vantaggio degli ammalati. Ma è evidente che l'unico modo per garantire il sangue ai pazienti è attraverso i donatori. I giovani li invitiamo ad andare a donare più spesso, facendo qualche sforzo in più". In media, infatti gli adulti vanno a donare il sangue 4 volte l'anno. Le giovani generazioni a livello nazionale non raggiungono nemmeno le 2. Se si raggiungesse una media di 3 volte l'anno tanti problemi sarebbero risolti. Al calo hanno concorso anche nuove leggi e decreti che hanno determinato qualche sacrificio in più per i donatori, sottoposti a controlli più stringenti. "Ma ne vale sempre la pena", ha concluso Brunello.  

"Stiamo seguendo la tendenza nazionale - ha spiegato Gianluca Gessoni, direttore del servizio immunotrasfusionale dell'Ulss 12 - C'è un'attenzione superiore alla fase di selezione dei donatori e anche nella raccolta delle informazioni. Quest'anno per fortuna non abbiamo dovuto affrontare criticità anche perché la domanda di sangue è calata rispetto al 2015. Stiamo lavorando assieme all'Avis - ha  concluso - per mettere a punto un sistema di comunicazione per sensibilizzare i più giovani a venire più frequentemente. Ci si potrebbe trovare tutti in certe situazioni. Per un politrauma serve un numero elevato di sacche e l'Angelo di Mestre è un ospedale hub, quindi i casi in cui servono trasfusioni sono moltissimi. L'obiettivo è quello di garantire sempre un servizio adeguato". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento