Cronaca

Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

La tragedia lunedì sera in laguna. I corpi ritrovati dopo due ore. Indagini in corso

Questa notte poco dopo le 2.30 i vigili del fuoco hanno recuperato in laguna, all’altezza del Mose, a Venezia, i corpi senza vita di due donne cadute da un battello Actv. Si tratta di due sorelle di origine marocchina.

Le vittime, residenti a Marghera, erano salite a bordo del vaporetto a Punta Sabbioni poco dopo la mezzanotte ed erano state notate dal comandante, in quanto erano le uniche due passeggere. Alla prima fermata del Lido, il pilota si è accorto che non erano più a bordo. Facendo una prima verifica ha trovato le loro scarpe. Ha subito dato l’allarme, attivando la macchina dei soccorsi ed è tornato indietro.

Le ricerche sono durate un paio d'ore: le imbarcazioni della guardia costiera, dei carabinieri e dei vigili del fuoco, con i sommozzatori, hanno perlustrato quel tratto di laguna finché hanno individuato le due donne in acqua, a testa in giù. I corpi sono stati recuperati e portati in Marittima. Sul posto anche la capitaneria di porto e i carabinieri per ricostruire l'accaduto. Stando alle prime informazioni, le donne avrebbero circa 40 anni di età. L'ipotesi su cui stanno lavorando gli investigatori è principalmente quella di un atto volontario: a far propendere per questa possibiltà c'è il fatto che le sorelle si tenevano per mano. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

VeneziaToday è in caricamento