Quattro donne uccise nel giro di due mesi, estate di sangue in provincia di Venezia

Sabrina Panzonato è l'ultima di una lunga lista. Prima di lei Mariarca, Anastasia, Sonia, tutte ammazzate da uomini fuori controllo. Duplice delitto il 18 giugno, altri due in luglio

Non c'è amore, solo follia, in questa lunga scia di sangue. Donne ammazzate da compagni, mariti o ex coniugi. In un caso dal figlio. Quattro delitti a distanza di tempo ravvicinata, un preoccupante susseguirsi di femminicidi, tutti nella provincia di Venezia, nel giro di due mesi. Tragiche conclusioni di rapporti che avevano raggiunto un punto di non ritorno. E in cui gli uomini si sono sentiti padroni di vite che non erano proprie, decidendo di decretarne la fine. "Mi fanno paura gli uomini che non capiscono che amare una donna vuol dire amare la sua libertà", aveva scritto Maria Archetta Mennella pochi giorni prima di essere uccisa dall'ex coniuge, il 23 luglio.

L'ultimo in ordine cronologico è l'omicidio di Sabrina Panzonato, 53enne infermiera all'Angelo di Mestre uccisa il 17 agosto dal marito Luigi Nocco, agente di polizia, all'esterno dell'abitazione in cui vivevano a Dogaletto di Mira. Un'esecuzione, come è stata descritta da alcuni dei testimoni. Lei aveva tentato di scappare e si trovava a terra, in strada, quando è stata raggiunta dal colpo di pistola esploso dall'uomo, che poi ha rivolto l'arma contro di sé e si è tolto la vita. A Sabrina, come a tutte le altre, è stata negata la possibilità di proseguire la propria esistenza, magari distante da un rapporto che si stava logorando.

Sicuramente è stato così per Maria Archetta. Chiedeva di allargare i propri orizzonti, di poter cambiare tutto, nonostante i figli e il lavoro. Di ricominciare da capo, costruendosi una nuova vita. Così non è stato. Ad ucciderla l'ex marito, il 44enne Antonio Ascione. Geloso e violento, ha preso un coltello da cucina e ha colpito più volte la donna, sorprendendola mentre si trovava a letto nel suo appartamento di Musile di Piave, dove alloggiava da qualche mese.

Un delitto apparantemente premeditato quello avvenuto nella notte tra il 17 e il 18 giugno a Chirignago, quando Stefano Perale, 50 anni, ha ucciso dopo averli invitati a cena Anastasia Shakurova, 30enne, e il fidanzato di lei, Biagio Junior Buonomo. L'insegnante 50enne si era invaghito da tempo della giovane, probabilmente non corrisposto. Ha deciso di risolvere la questione a modo suo, mettendo ko le vittime con del cloroformio e finendole. Lei soffocata, lui a bastonate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine l'omicidio del 5 luglio a Marghera, stavolta per mano del figlio della vittima. Mauro Cappella Padoan, 53 anni, ammazza con una coltellata la madre, Sonia Padoan. In quel caso l'uomo ha reagito all'intervento dell'anziana donna che disperatamente cercava di distoglierlo da un tentativo di suicidio. Trovando la morte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • Aggiornamenti serali su contagi e ricoveri in provincia di Venezia e in Veneto

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti del 24 marzo sera

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • Quasi 6000 positivi al coronavirus in Veneto, altri morti in provincia

  • Quasi 900 positivi in provincia, altri 2 morti all'ospedale di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento