menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza inverno, assegnati 3500 posti letto. E 11 senzatetto ora hanno un lavoro

Sono i dati snocciolati nel corso di una conferenza stampa tenutasi venerdì mattina in Villa Querini a Mestre. Altri 20 senza dimora sono ora in attesa di vedersi assegnato un lavoro

Non si è trattato di un intervento assistenziale legato al bisogno contingente, ma è stato di fatto l'inizio di un percorso per una nuova responsabilizzazione dell'individuo ed un suo reinserimento in ambito lavorativo e sociale. Il lavoro intrapreso da qualche anno dall'assessorato alla Coesione sociale sta dando i suoi frutti, a confermarlo sono anche i dati finali dell'operazione "Emergenza inverno 2017-18", resi noti con una conferenza stampa svoltasi venerdì mattina in Villa Querini a Mestre. Presenti l'assessore Simone Venturini e la dirigente del servizi per la Coesione sociale, Alessandra Vettori.

Lavoro per 11 senzatetto

"Quest'anno - ha sottolineato Venturini - ci sono state due importanti novità. Da un lato il rafforzamento dello 'sportello lavoro', che è entrato in contatto con circa un centinaio di 'senza dimora', riuscendo a far avere a 11 di loro dei contratti di lavoro a tempo determinato, mentre un'altra ventina sono in attesa di essere ingaggiati). Dall'altro il nuovo sistema di 'booking recettivo'. Al precedente sistema, in cui le persone venivano raccolte ogni sera da un pulmino che passava alla stazione e portate al dormitorio, si è sostituito quello 'a prenotazione': i senza dimora si presentano la mattina alla Casa dell'Ospitalità e prenotano un posto letto per la sera".

"Più responsabilità per i senza dimora"

Questo sistema ha da un lato responsabilizzato queste persone, che spesso ad esempio si sono premurate di disdire la prenotazione in caso di un loro cambio di programma, e dall'altro di limitare gli arrivi serali di senza dimora che solitamente vivono in altre città vicine. Nei 100 giorni di attività del progetto 'emergenza inverno' sono stati assegnati complessivamente 3561 posti letto a 181 diverse persone, a cui devono aggiungersi altre 86 persone direttamente seguite dall'Unità di strada, che ogni sera ha svolto la sua tradizionale attività di sostegno, distribuendo complessivamente circa 700 coperte, 8mila merendine, 1600 scaldamani e altrettanti scaldapiedi, 450 magliette intime, più altri generi alimentari e di conforto.

Un altro triennio impegnati nel sociale

Con i fondi messi a disposizione dal progetto europeo PonMetro si darà ora avvio, per il prossimo triennio, ad un'ulteriore operazione, che prevede che ogni giorno dell'anno siano ospitati, con cadenza settimanale, oltre a quelli che ci sono stabilmente, una decina di senzatetto, sempre col sistema della prenotazione. Ad essi verrà anche offerto l'avvio di un percorso per il reinserimento nel mondo del lavoro. Inoltre, con altri finanziamenti del PonMetro,  si continuerà la ristrutturazione di alloggi che saranno poi offerti agli ospiti della struttura di nuovo autosufficienti a livello economico, per dare loro un'ulteriore possibilità di reinserimento sociale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento