menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riempiono lo zaino di vestiti all'Ovs Lui scappa, "beccato" su Facebook

Furto al centro commerciale Laguna Shopping di Jesolo il 2 maggio. Fermati due giovani di 24 e 22 anni, lui è riuscito a far perdere le sue tracce

Una coppia come tante altre, lui 24 e lei 22 enne: solo che loro in quel negozio ci erano entrati per cercare di portarsi via più capi di abbigliamento possibile senza pagare, intento poi vanificato dal personale del posto e all'intervento della polizia del commissariato di Jesolo. L'episodio sabato due maggio, quando intorno alle 16.50 i due giovani sono entrati nel negozio Ovs all'interno del centro commerciale Laguna Shopping di Jesolo Lido.

L'attenzione dei commessi è subito stata attirata dai quei due, che continuavano a guardarsi intorno mentre sceglievano l'abbigliamento dagli espositori. Fatto sta che, dopo aver prelevato diversi capi e averli portati nelle cabine di prova, i giovani hanno tentato di uscire dal negozio. A quel punto è scattato il controllo da parte del personale, che li ha bloccati subito dopo che avevano oltrepassato i sistemi antitaccheggio: all'interno del borsone in possesso dei due ragazzi sono stati in effetti trovati alcuni capi di abbigliamento con ancora applicate le etichette.

A quel punto i due hanno tentato il tutto per tutto. Hanno chiesto di controllare il contenuto della borsa in una zona appartata, ma fatti alcuni passi verso gli uffici del negozio si sono voltati e se la sono data a gambe: la ragazza è stata presa quasi subito, mentre è andata meglio al ragazzo, riuscito a fuggire e a far perdere le proprie tracce. Sul posto è giunta una volante della polizia di Jesolo, che ha identificato la giovane 22enne sandonatese, incensurata: è stata denunciata in stato di libertà per concorso in furto aggravato.

Dopodiché si è messo al lavoro il personale dell’ufficio controllo del territorio del commissariato: ottenute le registrazioni del sistema di videosorveglianza hanno confrontato le immagini con altre rintracciate su Facebook e con altre acquisite nei luoghi di probabile frequentazione della coppia. Gli agenti hanno così individuato il complice della ragazza, 24enne marocchino senza fissa dimora. Contro di lui, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, la questura di Verona aveva già avviato il procedimento di revoca del permesso di soggiorno. È stato a sua volta denunciato per concorso in furto aggravato, ma risulta ancora latitante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento