Uomo di Jesolo si veste da Joker e provoca il panico a Milano con una pistola finta

Quando è stato fermato dagli agenti, arrivati alla fermata Moscova, non ha fatto altro che bestemmiare

Panico in metro a Milano per un uomo travestito da Joker che impugnava una pistola giocattolo. È successo davvero, tanto che, dopo le diverse segnalazioni arrivate alla polizia, il personale Atm, di concerto con le forze dell'ordine, si è visto costretto a interrompere il servizio della linea verde per diversi minuti.

Paura sulla metro per un uomo vestito da Joker

Lunedì sera di follia per un italiano di 36 anni originario di Jesolo. Quando è stato fermato dagli agenti delle volanti, arrivati nella fermata Moscova attorno alle 19.40, non ha fatto altro che bestemmiare. Nel vano tentativo di giustificarsi e spiegare che non stava facendo nulla di male, ha ripetutamente urlato: «Sono vestito come Joker, quello del film che ha appena vinto il Festival di Venezia».

Ed è sicuramente proprio dal film di Todd Phillips, dove la parte del personaggio dei fumetti DC Comics è affidata a Joaquín Phoenix, che il 36enne ha preso ispirazione. «Sto andando a una festa», ripeteva mentre gli agenti lo accompagnavano in questura e il sudore sulla fronte cominciava a sbiadire il trucco perfetto che ricopriva il suo volto.

Joker in metro a Milano: denunciato per procurato allarme

La serata del 36enne si è conclusa con una gita in questura. Per lui è scattata una denuncia a piede libero per procurato allarme e si sta valutando anche di prendere un provvedimento per interruzione di pubblico servizio.  Il Joker veneto - il cui costume includeva un paio di piccole ali rosa - sembrava essere un po' alticcio ma non ha mai usato violenza: né contro i passeggeri del treno costretti a scendere dal convoglio per aspettare che la situazione 'di emergenza' si tranquillizzasse, né tanto meno contro i poliziotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento