menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladri in azione da "Bek and Cik" a San Donà: "Tre volte in sette anni"

Il colpo nel noto locale della città del Piave nella notte tra mercoledì e giovedì. Porta sfondata, cassa forzata e fuga con circa 350 euro

"E' il terzo furto in sette anni che subiamo, poi scrivere un libro ormai su come forzare porte o registratori di cassa". A parlare è la titolare del locale "Bek and Cik" di galleria Leon Bianco a San Donà di Piave, che per l'ennesima volta ha dovuto mettere piede nell'esercizio con il cuore in gola per capire cosa hanno combinato i ladri.

L'allarme è stato lanciato dal guardiano del complesso immobiliare verso le 2.30 della notte tra mercoledì e giovedì. A un certo punto, infatti, si è accorto della porta sfondata e, guardando dall'esterno attraverso la vetrina, del registratore di cassa aperto. "Abbiamo subito capito che qualcuno ci aveva fatto un brutto scherzo - continua a titolare - siamo stati chiamati dal custode e abbiamo subito raggiunto il bar".

Per entrare e impadronirsi dei soldi del fondo cassa (circa 350 euro) gli intrusi hanno sfondato una parte della porta prendendola a pedate: "Sono ancora visibili le impronte delle scarpe sul pannello quadrato che hanno fatto saltare a suon di colpi", sottolinea la derubata. Una volta aperto il varco da mezzo metro per sessanta centrimetri circa, i delinquenti non hanno dovuto far altro che accucciarsi e penetrare nel locale. Dopodiché si sono diretti verso il registratore di cassa e l'hanno forzato (facendo molti danni, segnale forse di una certa inesperienza). A quel punto la fuga con i soldi effettuando lo stesso percorso a ritroso. Nonostante l'arrivo sul posto dei titolari e l'allerta lanciata dal custode, però, dei predoni nemmeno l'ombra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento