menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladri in casa di un disoccupato: "Pesa anche una piccola cifra per riparare i loro danni"

Il colpo domenica in via Turati a San Donà. Porta finestra forzata e fuga con tv, cellulare e orologio. Il proprietario d'impulso ha deciso di sfogarsi sui social network

Disoccupato, e quindi in difficoltà dal punto di vista economico, subisce anche la visita dei ladri. "Quando piove, grandina" viene da pensare d'istinto: perché riparare la portafinestra forzata per un cittadino abbiente è un conto, per uno che non può contare su uno stipendio a fine mese è un altro.

L'incursione dei delinquenti tra il tardo pomeriggio e la prima serata di domenica in un'abitazione di via Turati a San Donà di Piave: i predoni sanno che non c'è nessuno e decidono di entrare in azione con il favore dell'oscurità. Forzano la serratura della porta finestre e una volta all'interno rovistano in giro, impossessandosi di una tv, di un telefono cellulare e di un orologio, oltre che di altri oggetti personali. Si tratta di un bottino dal valore non esorbitante, ma che ha coinvolto oggetti dall'elevato interesse affettivo per la vittima. "Visto che sono disoccupato per me una cifra piccola da spendere per riparare i danni riveste comunque una certa importanza", dichiara l'inquilino dell'abitazione sulla pagina San Donà + Sicura. Sul posto sono intervenuti i carabinieri per un sopralluogo. Il valore del bottino sarebbe di circa 4mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento