menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Moria di delfini nell'Alto Adriatico Ora l'allarme suona anche al Lido

Già 14 animali trovati morti in 20 giorni tra Emilia, Friuli e Veneto. Ultimo caso martedì sera, scoperto della Guardia di Finanza di Venezia

Moria di delfini nelle acque dell’Adriatico: l’allarme era già scattato in Friuli ed Emilia Romagna, adesso suona anche al Lido di Venezia. Martedì sera una vedetta della Guardia di Finanza di Venezia ha recuperato un animale morto alla bocca di porto del Lido, gli esperti fanno sapere che quest’anno gli spiaggiamenti sono quadruplicati rispetto alla media degli ultimi anni. Come riporta La Nuova Venezia, i delfini ritrovati morti sono ben 14 da inizio giugno di cui dieci solamente negli ultimi giorni. Numeri alti e preoccupanti, se si considera che negli anni scorsi la media era stata di tre o quattro casi in un’intera stagione.

In questo caso si tratta di un’esemplare femmina, cosa l’abbia portato alla morte non è ancora stato stabilito. In questi giorni saranno effettuate delle analisi accurate da parte di veterinari specializzati, per capire se il delfino potrebbe aver contratto un virus fatale. Un’altra ipotesi è che il gran caldo di questi giorni abbia ridotto la quantità di ossigeno nell’acqua, aumentando lo sviluppo di microbi acquatici.

Lo scorso anno un allarme simile era suonato per le tartarughe marine, ora a preoccupare è uno degli animali più amati: nell’Alto Adriatico sono stati censiti circa 3500 delfini, biologi marini e Guardia di Finanza continueranno a lavorare anche per evitare lo spiaggiamento nel pieno della stagione balneare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento