Senigallia piange Pegah: chi era la ragazza morta a Mestre

Residente in provincia di Ancona, è stata investita nella notte tra venerdì e sabato in via Vespucci. Il sindaco di Senigallia ha espresso cordoglio alla famiglia

Pegah Naddafi, ragazza italiana di origini iraniane, è morta la notte tra venerdì e sabato in via Vespucci, a Mestre, investita da un’auto mentre attraversava la strada. Quattro anni fa aveva lasciato Senigallia - riporta AnconaToday - dove viveva con la famiglia e dove il padre gestisce il ristorante “La taverna da Kamyar”, specializzata in pizza al kamut. Sono stati i vigili, sabato mattina presto, a dare a papà Kamyar la più triste delle notizie: Pegah non c’era più. Padre, nonna e sorella minore si sono quindi messi in viaggio alla volta di Venezia e con ogni probabilità la taverna resterà chiusa per lutto in attesa dei funerali, ancora da organizzare in attesa dell’autopsia. Lo choc è troppo grande e troppo fresco, e al ristorante la voglia di parlare non c’è. La notizia della tragedia ha fatto rapidamente il giro dei giornali locali veneti, poi è arrivata a Senigallia e in Iran, dove la mamma della ragazza si trova da qualche settimana per motivi di lavoro. La famiglia Naddafi, molto conosciuta in città, era arrivata a Senigallia decine di anni fa.

Pegah studiava lingue all’università Ca’ Foscari ed era tornata non molto tempo fa da un viaggio in Francia. Chi la conosceva da vicino la ricorda come una ragazza dolcissima e tranquilla. Si era trasferita a Venezia da alcuni anni e a Senigallia era tornata un paio di mesi fa. La scorsa notte è stata investita dall’auto condotta da un 46enne, risultato negativo ai test dell’alcol. Inutile l’intervento del 118 così come il massaggio cardiaco, andato avanti per un quarto d’ora. Per Pegah non c’era più nulla da fare. Sconvolto anche il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, che conosceva bene la famiglia della ragazza. È stato lui a dare al padre la cittadinanza italiana un paio di anni fa: «Sono veramente dispiaciuto per questa tragedia che ha colpito una famiglia a modo, riservata e composta da grandi lavoratori - ha detto il primo cittadino - voglio esprimere il mio cordoglio e tutta la mia vicinanza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento