Lutto per la morte di Alin, monito dei sindacati: "Lavoro sempre più a rischio, serve una svolta"

Per Cgil, Cisl e Uil la crescita economica sta portando maggiori pericoli sui posti di lavoro e meno tutele. Ribadita la necessità di spingere su formazioni e controlli: "La Regione acceleri"

Alin è morto, e come lui tanti altri, mentre lavorava. Alla moglie e ai familiari giunge il profondo cordoglio di Cgil, Cisl e Uil, insieme alla preoccupazione per un fenomeno che va fermato, o almeno arginato. Le istituzioni e gli organi preposti stanno svolgendo le indagini necessarie, da cui emergerà il verdetto sulla dinamica di questo ennesimo lutto; intanto, però, i sindacati avvertono: "Non può esistere rassegnazione, non possiamo accettare che la ripresa economica si coniughi con la ripresa esponenziale dei morti sul lavoro".

Lavoro più umano

Secondo i rappresentanti dei lavoratori, gli strumenti ci sono. "La modernizzazione e le nuove tecnologie devono diventare elementi di garanzia per una maggiore sicurezza, non possono trasformarsi in un fattore che aumenta il rischio della salute. Ad esempio se non si coniugano i ritmi e i tempi della produzione con quelli della vita umana, con quelli per le necessarie manutenzioni degli impianti, della reale formazione dei lavoratori, e con le attività di prevenzione".

Prevenzione e controlli

"E' necessario che tutto il mondo del lavoro si interroghi, insieme alle istituzioni, per trovare soluzioni che evitino drammi grandi e piccoli alle persone che lavorano. Chiediamo quindi che venga accelerato il confronto avviato dalla Regione a partire dalla piattaforma presentata dai sindacati, in particolare nelle parti in cui si chiedono maggiori finanziamenti in funzione del rafforzamento degli enti preposti al controllo e alla prevenzione; chiediamo - concludono - che analogo confronto venga avviato anche a livello locale tra i soggetti coinvolti nel mondo della produzione con l'obiettivo di offrire tutte le certezze possibili di tornare a casa, sani, al termine di una giornata di lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

Torna su
VeneziaToday è in caricamento