menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un defibrillatore in piazza a Carpenedo

Si tratta della donazione di una famiglia mestrina. La teca nel quale è stato riposto rimarrà aperta per facilitare le operazioni di soccorso

La città di Venezia si arricchisce di un nuovo defibrillatore. Lo strumento salvavita è stato posizionato questa mattina, nella teca gialla messa a disposizione dal Comune, in piazza Carpenedo, in corrispondenza del civico 7. Nel distretto veneziano sono ora 140 i defibrillatori: 68 a Venezia centro storico, di cui 34 negli hotel, 29 nelle isole e 43 in terraferma. La teca in cui il dispositivo è inserito resta aperta proprio per facilitare l’intervento sanitario: l’invito è andato quindi alla collettività affinché questi strumenti, che possono salvare la vita di una persona, non vengano danneggiati.

Defibrillatore in piazza a Carpenedo

All’appuntamento sono intervenuti l’assessore alla Programmazione sanitaria Simone Venturini, il direttore dell’Ulss 3, Giuseppe Dal Ben, il responsabile del Suem Nicola Bortoli, don Gianni della parrocchia di Carpenedo, e la famiglia La Rosa, che ha donato il DAE alla città per ricordare un familiare. Venturini ha espresso gratitudine a nome della città alla famiglia La Rosa per l’importante donazione. «Il significato di questo gesto - ha aggiunto Dal Ben - è che una famiglia di Mestre si sia posta accanto alle istituzioni, per contribuire a sviluppare quella rete di cardioprotezione che stiamo realizzando nel Comune di Venezia».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento