menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pescivendolo scaraventato a terra e rapinato tra San Polo e Rialto

Un 70enne verso le 4 di sabato stava raggiungendo il mercato ittico. L'aggressore l'ha colpito con un pugno e si è impossessato di 1500 euro

Stava camminando verso le 4 di mattina nella zona di campo San Polo quando il bandito solitario si è materializzato all'improvviso nella calle e l'ha aggredito. Usando maniere certo poco diplomatiche. Rapina in pieno centro storico nella notte tra venerdì e sabato a Venezia, quando un pescivendolo di 70 anni è stato scaraventato a terra da un criminale, il quale non ha esitato a usare la forza per soggiogare la vittima di turno.

A quell'ora c'erano poche persone in giro, dunque il malintenzionato ha potuto entrare in azione senza che qualche potenziale testimone potesse mettergli i bastoni tra le ruote. Con ogni probabilità conosceva le abitudini del commerciante, che prima dell'alba si era messo in marcia per raggiungere il mercato ittico, in modo da rifornire la propria attività di Rialto. Un viaggio abituale, che proprio per questo motivo potenzialmente potrebbe aver fatto gola al delinquente. L'aggressione tra calle dei Botteri e campo San Cassian, a due passi da Rialto. Il bandito ha sorpreso alle spalle la vittima, che è stata colpita da un cazzotto in faccia. Dopodiché è stata scaraventata a terra, con l'aggressore, dal volto travisato da una vistosa sciarpa, che a quel punto ha avuto la possibilità di insinuare la mano nelle tasche del pescivendolo, impadronendosi dei 1500 euro in contanti che sarebbero serviti al commerciante per l'acquisto della merce.

Dopodiché la fuga, senza lasciare molti elementi in mano alle forze dell'ordine. Impegnate ora a ricostruire la vicenda. Il delinquente non avrebbe tradito accenti particolari e sarebbe di carnagione bianca. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno passato al setaccio la zona rialtina e di San Polo, senza successo. Il 70enne ha riportato dei traumi lievi, soprattutto a causa del colpo ricevuto e della successiva caduta. Ha comunque rifiutato il trasferimento al pronto soccorso del Civile, visto che aveva un'attività da aprire. Nonostante tutto è necessario andare avanti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento