Cronaca

Il giovane picchiato in spiaggia a Jesolo per la "truffa", 2 ragazzi denunciati per rapina

Emergono dettagli dopo l'aggressione della notte tra mercoledì e giovedì nella località balneare. Un 22enne marocchino frustato con un guinzaglio: "Mi hanno cercato di soffocare"

Emergono nuovi dettagli dalla notte di violenza tra mercoledì e giovedì a Jesolo, quando un 22enne marocchino (le forze dell'ordine sono convinte si tratti di un piccolo pusher) da anni domiciliato a Mirano con il fratello è stato picchiato a sangue da due giovani del Bergamasco. Di più. Gli sarebbe stato stretto attorno al collo il guinzaglio di un cane e sarebbe stato immerso con la faccia in acqua, non facendolo respirare. Il "menu" si è poi arricchito di frustate e colpi proibiti: "Un incubo, dicevano 'uccidiamolo'", ha raccontato. Secondo una nota della questura l'aggressione sarebbe scaturita da un "pacco" appioppato dal 22enne ai due presunti acquirenti di droga. Nella confezione delle cartine secondo loro avrebbe dovuto esserci dello stupefacente, in verità non ci sarebbe stato nulla. Avrebbero contrattato una dose di cocaina spendendo 60 euro, poi spariti dalla circolazione. Dopo la compravendita la scoperta della truffa e il ritono in via Bafile, individuando il 22enne e iniziando a picchiarlo a sangue. I soldi lui non li aveva più o comunque non voleva più restituirli. 

"Uno dei due mi ha colpito in testa, sorprendendomi alle spalle, con una bottiglia di vetro. Non ho capito più niente", ha dichiarato il giovane, anche in sede di denuncia. A quel punto è scattata l'aggressione. Mancavano pochi minuti a l'una di notte: "Uno dei due mi ha stretto attorno al collo il guinzaglio e, puntando il ginocchio sulla schiena, mi ha scaraventato a terra - continua il 22enne - Uno di loro mi teneva la testa nella sabbia con un piede e mi frustava la schiena con il guinzaglio del secondo cane. Ridevano. Dicevano che mi avrebbero ammazzato. Io non potevo far nulla".

Un incubo durato diversi minuti, mentre una signora si accorge di ciò che sta accadendo e chiama la polizia: "Mi hanno continuato a prendere a calci e pugni - continua la vittima - ho la schiena piena dei graffi dovuti alle frustate. Poi mi hanno trascinato verso il mare e mi hanno messo la testa in acqua. Non riuscivo a respirare. Ero sfinito".

E' stato allora che uno degli aggressori ha messo le mani in tasca allo sventurato, impossessandosi di soldi e documenti (tra cui il permesso di soggiorno). Per questo è scattata anche la denuncia per rapina: "Ho visto una luce e i due sono scappati - conclude il 22enne - era un poliziotto che si è messo a rincorrerli. Sono stati bloccati poco dopo. Altrimenti non so come sarebbe finita". Una perquisizione è stata effettuata dai poliziotti all'interno della camera d'hotel dove alloggia il 22enne, trovando sul comodino un ovulo in plastica contenente dell'hashish. Il giovane avrebbe dichiarato essere lì per uso personale. Al termine degli accertamenti i 2 aggressori sono stati denunciati per rapina e lesioni personali. Il sospetto pusher invece è stato segnalato alla prefettura come assuntore di droga. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giovane picchiato in spiaggia a Jesolo per la "truffa", 2 ragazzi denunciati per rapina

VeneziaToday è in caricamento