menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Entra e il ladro gli scaraventa in testa una lampada a Chirignago

La tentata rapina sabato mattina in un appartamento di via Montessori. Il bandito è scappato a mani vuote, mentre la vittima è andata all'ospedale

Rientra a casa nell'appartamento del suo condominio e si trova un intruso a pochi metri da lui. Il tempo di riprendersi dalla sorpresa sabato mattina per un cittadino residente in via Montessori alla Gazzera che già il delinquente gli aveva scaraventato una lampada in testa, nel tentativo di guadagnarsi la fuga evitando l'intervento delle forze dell'ordine.

Ennesimo tentato furto che si trasforma in rapina nel territorio veneziano, dopo i due episodi (su cui i carabinieri hanno fatto luce nel giro di alcune settimane) che hanno visto come vittime due anziane, una in via Aleardi a Mestre e l'altra in via Frassinelli a Olmo di Martellago. Due gli arrestati per entrambe le aggressioni.

Ancora presto per capire se invece il delinquente colto in castagna sabato mattina in via Montessori a Chirignago verrà assicurato alla giustizia. Fatto sta che si è comportato alla stessa maniera degli altri criminali, i qualli non hanno esitato a usare violenza contro vittime indifese. La differenza è che stavolta davanti a lui non c'era un'anziana, bensì un adulto che avrebbe anche abbozzato un tentativo di "avanzamento", con l'intenzione di bloccare il ladro e assicurarlo poi alla giustizia. Non è andata così, anche per la reazione del predone che ha preso il primo oggetto che ha trovato a portata di mano e l'ha scaraventato in testa al suo interlocutore. Dopodiché ha sfruttato gli attimi di comprensibile disorientamento del padrone di casa per fuggire dalla porta e far perdere le proprie tracce all'esterno del condominio, senza che nessuno tra i vicini si accorgesse di nulla.

Al derubato, che comunque è riuscito a rientrare in possesso della refurtiva che intanto l'intruso aveva raccolto, non è rimasto altro che raggiungere il pronto soccorso dell'Angelo, dove è stato medicato per un profondo taglio al labbro e per un'ematoma alla fronte causato dall'impatto con la lampada. Il malintezionato, invece, è scappato a mani vuote ma evitando comunque l'arresto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    L'annuncio di Zaia: «È ufficiale, il Veneto da lunedì in zona arancione»

  • Cronaca

    Ordinanza anti alcol a Venezia in vista del weekend

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento