menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il ristorante Al Bragosso, dove vengono ospitati i profughi

Il ristorante Al Bragosso, dove vengono ospitati i profughi

"Intemperanze dei profughi al Bragosso", intervengono in forze polizia e carabinieri

La segnalazione nel primo pomeriggio di giovedì nella struttura di Sant'Anna. Non il primo caso del genere. Per riportare la situazione alla normalità ci sono voluti gli agenti

Ancora momenti di tensione al ristorante albergo "Al Bragosso" a Sant'Anna di Chioggia, dove vengono ospitati alcuni profughi. Già a Pasqua c'era stato un intervento delle forze dell'ordine, dopo che gli ospiti non avevano gradito il cambio di menu. Niente pollo e patatine, bensì della pastasciutta. Niente da fare, il cambio di programma non è andato giù a coloro che vivono nella struttura. Il tutto è sintomatico di una situazione di tensione che a più riprese ha messo in allerta polizia e carabinieri, compreso giovedì nel primo pomeriggio. Quando le rimostranze degli ospitati sono scaturite, ancora una volta, per il cibo.

Le lamentele si protrarrebbero, senza sosta, ormai da qualche giorno, al punto tale che i gestori, impossibilitati a stemperare la tensione e riportare la situazione ad una calma almeno apparente, hanno deciso di contattare le forze dell'ordine. Sul posto sono intervenute diverse pattuglie, con tutte le cautele del caso, per evitare che la situazione potesse degenerare. Una volta sul posto, però, gli uomini in divisa sono riusciti rapidamente a riportare la calma. Nonostante il livello di preoccupazione fosse molto elevato, tant'è vero che i mezzi delle forze dell'ordine sono arrivati a sirene spiegate.

Gli interventi delle forze dell'ordine si susseguono, spesso per sanare "tumulti" generati da incomprensioni dovute anche alla differenza di lingua. Indicazioni che vengono magari travisate e che, come nel gioco del "telefono senza fili", spesso si discostano di molto dalla realtà. La tensione, però, è palpabile. Ecco perché ora i fari sono puntati sulla Prefettura, con le forze dell'ordine che già nei prossimi giorni chiederanno provvedimenti per porre rimedio ad una situazione costantemente sul filo del rasoio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento